Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Era finito al centro delle polemiche con la scarcerazione per il Covid-19

Pasquale Zagaria (fratello del superboss Michele), ai domiciliari da aprile per l'emergenza Coronavirus ed anche grazie alla nota circolare del 21 marzo autorizzata dall’ex direttore Francesco Basentini e diretta ai giudici di sorveglianza, torna in carcere.
Il caso Zagaria fu uno dei più eclatanti con il Tribunale di Sorveglianza di Sassari - città dove il boss era sottoposto al 41 bis in carcere con una condanna definitiva a 20 anni - che prese la decisione vista l'impossibilità di garantirgli nelle strutture sanitarie della Sardegna la prosecuzione del percorso terapeutico di cui ha bisogno per una grave patologia. I magistrati, per evitare la scarcerazione, avevano anche chiesto il suo trasferimento in un altro istituto, ma "dal Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria - si legge nel provvedimento della Sorveglianza - non è giunta risposta alcuna...". In assenza di alternative, quindi, il Tribunale dispose la detenzione domiciliare del boss nel bresciano.
Secondo quanto riferito dall'agenzia AGI il capomafia dei Casalesi è stato riportato in carcere questa mattina. La direzione delle carceri - il capo Dino Petralia e il suo vice Roberto Tartaglia - avevano approntato una serie di valutazioni istruttorie e indicato anche una struttura penitenziaria che considerano idonea alla sua situazione clinica. Zagaria già a marzo era stato trasferito presso la sua famiglia a Fascia.
A disporre il ritorno in carcere del boss è stato il tribunale di sorveglianza di Brescia, in vista della scadenza del provvedimento con cui erano stati concessi i domiciliari per 5 mesi a Zagaria, lo scorso aprile.
Anche in quell'occasione a pronunciarsi era stato il tribunale di sorveglianza di Sassari - che aveva poi in giugno deciso di trasmettere gli atti alla Consulta sollevando questione di legittimità sul cosiddetto decreto 'antiscarcerazioni'. In questi mesi, il boss del clan dei Casalesi ha trascorso i domiciliari in Lombardia, e per questo il suo fascicolo era stato trasmesso ai giudici di sorveglianza di Brescia, i quali, tenuto conto del quadro sanitario ora mutato e dell'individuazione da parte del Dap di una struttura adeguata per le cure necessarie a Opera, ha disposto il rientro in carcere di Zagaria nel penitenziario milanese.

ARTICOLI CORRELATI

Scarcerazioni boss: Zagaria potrebbe tornare in carcere, Dap trova posto a Viterbo

Si aggravano condizioni boss Zagaria, ricoverato in Lombardia

Scarcerazioni boss: Pasquale Zagaria non tornerà in carcere

Dap, mail in ritardo ma Zagaria sarebbe uscito ugualmente

Scarcerazioni boss, Gratteri: ''Effetto devastante, minata fiducia nello Stato''

Coronavirus e mafia, ecco i boss stragisti che usciranno dal carcere (?)

Dal carcere ai domiciliari: la speranza dei boss stragisti di fronte al silenzio di Governo

Catello Maresca su scarcerazioni: ''Al Dap manca una programmazione per gestire emergenza''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy