Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Per i leghisti di Botta di Segrina i ”richiedenti asilo” occupano troppo spazio per la loro “stazza” e ciò creerebbe assembramenti negli orari di punta per studenti

Bus in orari diversi rispetto a quelli degli studenti al mattino per i "richiedenti asilo", meglio ancora se in una linea esclusivamente a loro dedicata. E’ questa la proposta avanzata dalla Lega di Botta di Segrina nella zona della prima Val Brembana che ha scatenato la reazione dell’opinione pubblica. La settimana scorsa alcuni rappresentanti leghisti ne hanno fatto richiesta al prefetto del capoluogo, Enrico Ricci, in un incontro con anche i parlamentari Daniele Belotti e Alberto Ribolla. Molti hanno accusato la Lega di pulsione segregazionista. Immediata la risposta di Enzo Galizzi, dirigente della Lega locale il quale ha detto che il problema riguarda la “stazza” dei migranti che "spintonando e sgomitando" "occupano tutti i posti disponibili" non permettendo agli studenti di rientrare a casa. Motivo per cui Galizzi e il collega consigliere comunale a Sedrina Matteo Ripamonti hanno consigliato al sindaco di "richiedere ai responsabili della casa San Giuseppe (che ospita i migranti, ndr) di mettergli a disposizione un loro mezzo".
"Dopo aver provocato una strage con la loro pessima gestione della pandemia - ha detto Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione comunista - i leghisti tornano alla carica con le campagne anti-immigrati. Invece di chiedere di potenziare il trasporto locale e di garantire che non ci sia sovraffollamento sui pullman i soliti demagoghi razzisti puntano a fare dei migranti gli untori portatori del virus".
Ma la proposta avanzata dalla destra lombarda non è nuova. Una decina di anni fa sia Riccardo De Corato (ai tempi in An, ora FdI) che Matteo Salvini proposero misure simili. Nel 2009 a Milano con De Corato vicesindaco gli stranieri senza documenti vennero fatti salire su dei bus con le grate sui vetri, una specie di autobus galera che poi venne sospeso. Lo stesso anno l'allora consigliere comunale della Lega Nord Salvini lanciò la sua provocazione: carrozze del metrò per i soli milanesi, e altre a parte per gli extracomunitari.

Fonte: La Repubblica

Foto © Imagoeconomica

What do you want to do ?
New mail

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy