Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Lettera ad Accademia Mariana che apre battaglia contro 'inchini'

"Ho appreso con piacere che codesta Pontificia Accademia ha promosso un Convegno per dare inizio ufficialmente al Dipartimento di analisi e di studio dei fenomeni criminali e mafiosi, per liberare la figura della Madonna dall'influsso delle organizzazioni malavitose… Desidero esprimere il mio apprezzamento per l'importante iniziativa”. E’ questo uno dei passaggi più importanti della lettera che Papa Francesco il 15 agosto, giorno dell'Assunta, ha inviato a padre Stefano Cecchin, presidente della Pontificia Accademia Mariana Internazionale, e ai partecipanti alla giornata di studio con cui si è istituita una task-force tra ecclesiastici, esponenti delle Forze dell'ordine, esperti anti-racket e anti-usura, procuratori in prima linea contro Cosa nostra, ‘Ndrangheta, Camorra e Sacra Corona Unita. La lettera del pontefice è stata riportata sul numero di 'Maria con te', il settimanale mariano della San Paolo, in edicola domani, che dedica un ampio servizio a questa iniziativa che si propone di interrompere per sempre "inchini" delle statue davanti alle case dei boss e altre oscure influenze malavitose sugli eventi religiosi e sui luoghi dedicati alla Madonna. "La nostra azione", ha spiegato padre Cecchin, "si collega idealmente all'anatema di Giovanni Paolo II ad Agrigento nel 1993 e a quello di papa Francesco a Cassano allo Ionio nel 2014". L'impegno del nuovo Dipartimento di analisi e di studio dei fenomeni criminali e mafiosi è combattere la "spiritualità deviata" ravvisabile, ad esempio, negli ignobili inchini delle effigi della Vergine davanti alle dimore dei capiclan. "La devozione mariana è un patrimonio religioso-culturale da salvaguardare nella sua originaria purezza, liberandolo da sovrastrutture, poteri o condizionamenti che non rispondono ai criteri evangelici di giustizia, libertà, onestà e solidarietà”, ha puntualizzato Francesco nella lettera, plaudendo all'iniziativa della Pontificia Accademia Mariana Internazionale.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Papa Francesco e la lotta alla mafia

In difesa di Papa Francesco

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy