Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La motivazione del Tribunale di Sorveglianza: “E’ ancora un simbolo criminale”

Il boss della Camorra Raffaele Cutolo a 78 anni non ha perso il suo carisma criminale e rimane un simbolo per i gruppi che continuano, ancora oggi, a richiamarsi a lui. E’ questo il tratto sottolineato dal tribunale di Sorveglianza di Bologna nel respingere il ricorso presentato dal boss fondatore della Nuova Camorra Organizzata, oltre che a motivare con ampia documentazione come le sue condizioni di salute non siano incompatibili con il carcere, neppure in epoca di Coronavirus. I giudici hanno evidenziato la pericolosità del boss, tuttora considerato a rischio recidiva. Il boss camorrista, che aveva chiesto il rinvio dell'esecuzione della pena con detenzione domiciliare, resterà, dunque in carcere a Parma, lo stesso istituto penitenziario dove ha concluso i suoi giorni a fine 2017 Salvatore Riina. Lo stesso ambiente che, secondo il collegio presieduto da Antonietta Fiorillo, ha confermato la decisione di metà maggio del magistrato di sorveglianza di Reggio Emilia: le sue patologie "appaiono allo stato trattabili adeguatamente" e nel suo caso "non appare ricorrere con probabilità il rischio di contagio da Covid-19", visto che a Parma nessun detenuto è risultato positivo e la curva epidemica in regione sta calando. Secondo la documentazione sanitaria analizzata si desume che la detenzione dell'anziano camorrista non si svolge "con quella quota di affettività ulteriore tale da comportare una sofferenza che eccede il livello che, inevitabilmente, deriva dalla legittima esecuzione della pena". Nel dettaglio si è evidenziato la presenza di un piano assistenziale personalizzato, la predisposizione di presidi come il letto con le sponde e il materasso antidecubito, la dotazione di un treppiede per gli spostamenti - che però Cutolo spesso rifiuta di usare, così come si oppone agli approfondimenti consigliati dai medici - e poi la presenza di un detenuto lavorante che assicura l'igiene della camera, la presenza di un operatore sanitario e il monitoraggio quotidiano di medici e infermieri. "Si può ritenere che la presenza di Raffaele Cutolo potrebbe rafforzare i gruppi criminali che si rifanno tuttora alla Nco, gruppi rispetto ai quali Cutolo ha mantenuto pienamente il carisma", si legge nell'ordinanza. Nonostante l'età e "la perdurante detenzione" rappresenta "un 'simbolo' per tutti quei gruppi criminali" che continuano a richiamarsi al suo nome. Cioè i cosiddetti 'neo-cutoliani', i cui componenti sono stati recentemente raggiunti da misure per estorsioni, traffico di droga, omicidi. Inoltre, Cutolo è una persona che in tanti anni di carcere "non ha mai mostrato alcun segno di distacco dalle sue scelte criminali", come dimostra il colloquio avuto in carcere il 22 luglio 2019 da Cutolo con un giornalista durante il quale ha rivendicato la "giustezza" di alcune scelte operate, affermando di avere "fatto anche del bene", di non aver ordinato atti delittuosi indiscriminati (come i gruppi criminali attuali)".

ARTICOLI CORRELATI

Il boss della Camorra Raffaele Cutolo resterà al 41bis

Coronavirus: il boss della Camorra Raffaele Cutolo spera di tornare a casa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy