Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Per "suo conto" inviata la circolare del 21 marzo

Dopo Francesco Basentini si dimette un'altra figura di riferimento all'interno del Dap: Giulio Romano, non è più il direttore dell'Ufficio detenuti del Dipartimento dell'amministrazione penitenziario, e tornerà al suo precedente incarico in Cassazione.
A riportare la notizia era stato il sito "poliziapenitenziaria.it" ed ha rapidamente trovato riscontro. "Non sono stati ancora resi noti i motivi ma, molto probabilmente, la vicenda è da ricondurre alla disastrosa gestione delle scarcerazioni dei boss e, prima ancora, alla famosa circolare" del 21 marzo. Un documento che, come hanno evidenziato diversi magistrati tra cui il Procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, ha dato un contributo all'emorragia con cui numerosi detenuti, tra 41 bis ed Alta sicurezza, hanno ottenuto i domiciliari durante il periodo d'emergenza del coronavirus.
In quella famosa circolare, datata 21 marzo, firmata dalla dirigente Assunta Borzacchiello e trasmessa per conto del Direttore generale Romano a tutti i penitenziari italiani, con un oggetto generico "Segnalazione all'autorità giudiziaria", si invitava a comunicare "con solerzia alla Autorità giudiziaria, per le eventuali determinazioni di competenza", il nominativo di quei detenuti che hanno più di 70 anni e sono affetti da determinate patologie.
Ciò avveniva appena quattro giorni dopo l’approvazione del decreto Cura Italia, con cui il governo affrontava il problema del sovraffollamento, prevedendo gli arresti domiciliari per i detenuti che abbiano una condanna "non superiore a 18 mesi, anche se costituente parte residua di maggior pena" e con cui si interveniva specificatamente per quelle posizioni già in "esecuzione di pena" e non potevano rientrare nella casistica tutti quei soggetti che avevano commesso reati gravi (come ad esempio quelli richiamati dall'articolo 4 bis dell'ordinamento penitenziario, maltrattamenti in famiglia o stalking).
E' emerso in questi mesi che, anche sul presupposto di quella circolare, vi sono state diverse richieste, da parte di boss mafiosi, per ottenere misure alternative al carcere.
Un'emorragia su cui è stato posto in parte rimedio poche settimane fa con i nuovi decreti legge che hanno portato i Tribunali di Sorveglianza a rivalutare alcuni provvedimenti adottati.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

L'arroganza del potere
di Giorgio Bongiovanni - Video-Intervista

L'offesa all'intelletto
Una (ennesima) vergognosa autodifesa di Bonafede al Senato in mezzo a ricatti bipartisan
di Lorenzo Baldo

Caro Travaglio, sul caso Bonafede non solo fake news
di Giorgio Bongiovanni

Ministro Alfonso Bonafede, prego, andare
di Saverio Lodato

Autonomia e Indipendenza a difesa di Di Matteo
di Aaron Pettinari

Giustizia: si dimette Fulvio Baldi, capo di Gabinetto del ministro Bonafede
di Aaron Pettinari e Karim El Sadi

Ingroia: ''Di Matteo come Falcone e Borsellino''

Carceri, Ingroia: ''Qualche vertice dello Stato ha posto veto su scelta Di Matteo al Dap''

Our Voice: #BonafedeDicaLaVerità

Giorgio Bongiovanni: ''Chi non vuole Di Matteo a lottare contro la mafia?''
L'intervista video del direttore di ANTIMAFIADuemila a ByoBlu

Carceri, l'ex pm Robledo sul caso Di Matteo-Bonafede: ''Legittimo che il ministro cambi idea sul Dap, ma deve spiegarne il motivo''

Ingroia: ''Bonafede non ha ancora spiegato la mancata nomina di Di Matteo al Dap''

Luigi de Magistris: ''Bonafede gravi errori contro Di Matteo''

Francesco Basentini: ecco l'operazione sporca del ministro Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''
di Aaron Pettinari

Giovanni Falcone andò in tutte le TV d'Italia
di Saverio Lodato

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss
di Saverio Lodato

Chi è sospettato deve dimettersi?
di Vincenzo Musacchio

Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo
di Vincenzo Musacchio

Dagli indizi alle prove e viceversa
di Ugo Lombardi

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''
di Giorgio Bongiovanni ed Aaron Pettinari

Nino Di Matteo non è un magistrato omertoso. Chi ha legalizzato l'evasione dei boss?
di Saverio Lodato

La Trattativa Governo-Detenuti: Nino Di Matteo non ci sta
di Saverio Lodato

Quando a perdere siamo tutti noi
di Lorenzo Baldo

''Question time'' per Alfonso Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Una storia vera in un Paese privo di memoria
di Sandra Amurri

Gaspare Mutolo: ''Scarcerazioni boss? Dimostrazione che la trattativa è ancora in corso''

Sonia Alfano: ''Su quello che ha detto Di Matteo ci metto la mano sul fuoco. Bonafede è un paracadutato''

Lumia su Bonafede: ''Con il no a Di Matteo ha fatto involontariamente regalo alla mafia''

Sebastiano Ardita: ''Di Matteo non ha mai fatto riferimento a pressioni mafiose''

Ingroia: ''Io sono esterrefatto su Bonafede, che su Di Matteo dovrebbe chiarire e poi dimettersi''

Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo (Video)

Esclusivo, il Pm Nino Di Matteo: "Fui chiamato a dirigere il Dap, poi il Ministro cambiò idea. I boss non mi volevano" (Video)

Antimafia, Bonafede: ''Boss ai domiciliari sono 256. Nessuna pressione da Napolitano su nomina capo Dap''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy