Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
"E' chiaro che ciò che è avvenuto lascia sgomenti sul piano umano mi fa una rabbia incredibile. Ho saputo che sono usciti anche boss che avevo fatto arrestare io tanti anni fa, che hanno fatto cose terribili, come uno dei carcerieri del piccolo Giuseppe Di Matteo”. E’ così che è intervenuto il magistrato Alfonso Sabella ai microfoni della trasmissione "L'Italia s'è desta", su Radio Cusano Campus, riguardo le numerose scarcerazioni dei boss mafiosi per l’emergenza Covid-19. Secondo il magistrato “la pandemia ha reso evidenti le lacune del nostro sistema penitenziario, di cui non si parla mai. Il problema carceri viene affrontato in questo Paese sempre con superficialità. Sono contento che il governo sia corso ai ripari, ma si continuano a mettere toppe su un vestito che ormai è stracciato. Noi abbiamo una popolazione carceraria normalmente fatta da persone ammalate, anziane, con problemi di tossicodipendenza. - ha proseguito - Sul rapporto carcere-diffusione del contagio però qualche dubbio ce l'ho, perché nel carcere le possibilità di introduzione del virus dovrebbero essere ridottissime". Sabella ha poi parlato della gestione delle carceri e dei penitenziari: "Il problema è che noi non abbiamo strutture e modelli organizzativi sufficienti. Noi non abbiamo mai avuto un modello che metta al centro l'essere umano. Tutti gli esseri umani nascono con gli stessi diritti e anche il boss mafioso ha il diritto alla salute e noi dobbiamo tutelarlo, è inevitabile. Ora il nuovo provvedimento dovrebbe riportarli in carcere. Il Dap, d'intesa con la sanità regionale, dovrà valutare se adesso nelle strutture sanitarie penitenziarie e pubbliche ci sia posto e quindi quei detenuti possano essere curati in carcere". "Il Dap - ha concluso - ora dovrà individuare quelle strutture che non si è riusciti ad individuare prima". Sulla vicenda Bonafede-Di Matteo ha detto: “Una tempesta in un bicchiere d’acqua. Si tratta semplicemente di un difetto di comunicazione tra Di Matteo e Bonafede, che ha offerto un posto a Di Matteo ancora prima che fosse sicuro di farlo. Che abbia cambiato idea per pressioni mafiose è da escludere categoricamente”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

L'arroganza del potere
Il fallimento nella lotta alla mafia del ministro Bonafede
In difesa di Nino Di Matteo
di Giorgio Bongiovanni - Video-Intervista


Francesco Basentini: ecco l'operazione sporca del ministro Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Di Matteo, Bonafede e la nomina al Dap negata ''per lo stop di qualcuno''
di Aaron Pettinari

Giovanni Falcone andò in tutte le TV d'Italia
di Saverio Lodato

Ringraziate Nino Di Matteo. Bonafede vuole riportare dentro i boss
di Saverio Lodato


Io sto sempre con Di Matteo, non cambio idea per opportunismo
di Vincenzo Musacchio

Di Matteo: ''Bonafede nel 2018 mi propose il Dap. Pronto ad accettare, ma poi vi fu dietrofront''
di Giorgio Bongiovanni ed Aaron Pettinari


Nino Di Matteo non è un magistrato omertoso. Chi ha legalizzato l'evasione dei boss?
di Saverio Lodato


La Trattativa Governo-Detenuti: Nino Di Matteo non ci sta
di Saverio Lodato

Quando a perdere siamo tutti noi
di Lorenzo Baldo

''Question time'' per Alfonso Bonafede
di Giorgio Bongiovanni

Una storia vera in un Paese privo di memoria
di Sandra Amurri


Dagli indizi alle prove e viceversa
di Ugo Lombardi

Sonia Alfano: ''Su quello che ha detto Di Matteo ci metto la mano sul fuoco. Bonafede è un paracadutato''

Lumia su Bonafede: ''Con il no a Di Matteo ha fatto involontariamente regalo alla mafia''

Sebastiano Ardita: ''Di Matteo non ha mai fatto riferimento a pressioni mafiose''

Ingroia: ''Io sono esterrefatto su Bonafede, che su Di Matteo dovrebbe chiarire e poi dimettersi''


Bongiovanni attacca la Mafia-Stato in una difesa storica al pm Di Matteo (Video)

Esclusivo, il Pm Nino Di Matteo: "Fui chiamato a dirigere il Dap, poi il Ministro cambiò idea. I boss non mi volevano" (Video)

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy