Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Conteneva numeri e cifre potenzialmente indicativi di significati nascosti’

La Corte di Cassazione ha ritenuto inammissibile il ricorso presentato dal boss stragista Giuseppe Graviano, detenuto al 41-bis, contro il 'sequestro', avvenuto l'anno scorso, di una lettera scritta in carcere e indirizzata ai propri familiari. Sulla missiva il tribunale di sorveglianza di Perugia aveva già avanzato seri sospetti circa la possibilità che si trattasse di un “pizzino” stabilendone pertanto il trattenimento. Ora la Corte di Cassazione ha fatto propria questa considerazione sottolineando che la missiva conteneva un testo “criptico” con “numeri e formule”. Quindi, hanno spiegato i giudici, “potenzialmente indicativi di significati potenzialmente nascosti’’.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La bestia si agita!

'Ndrangheta stragista, Graviano: ''Berlusconi mandante stragi? Per il momento non lo ricordo''

Ingroia: ''Graviano dice e non dice ma manda messaggi a mondi interni e esterni alla mafia'' - VIDEO

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy