Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La Procura generale ha presentato ricorso

Il tribunale del Riesame di Roma, presieduto da Bruno Azzolini, si è riservato di decidere sul ricorso presentato dalla procura generale della Corte d'Appello contro la scarcerazione di Salvatore Buzzi, messo ai domiciliari lo scorso dicembre. L'ex 'ras' delle cooperative, i cui termini cautelari scadranno il 2 aprile, era stato scarcerato dopo 5 anni di detenzione in seguito all'istanza presentata dai suoi legali, Alessandro Diddi e Piergerardo Santoro, alla luce della sentenza della Cassazione sul processo al 'Mondo di Mezzo', che ha fatto cadere l'accusa di mafia.
Secondo la procura generale, Buzzi, in attesa di un nuovo processo per la rideterminazione della pena dopo una condanna per mafia in secondo grado a 18 anni e 4 mesi, deve tornare in carcere perché sussistono le esigenze cautelari in quanto ancora "socialmente pericoloso" e potrebbe "reiterare i reati di corruzione con la nuova classe dirigente".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy