Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Il procuratore aggiunto della procura di Catanzaro Vincenzo Luberto è indagato dai magistrati della Procura di Salerno per per corruzione aggravata dal metodo mafioso. A riportare la notizia è stato oggi il quotidiano “Il Fatto Quotidiano”. Da quanto si apprenda dal giornale, i magistrati salentini - competenti a giudicare su fatti che riguardano i loro colleghi del distretto giudiziario di Catanzaro - hanno firmato un decreto di perquisizione eseguito nei giorni scorsi nei confronti del magistrato della procura di Catanzaro. L'accusa si riferirebbe a presunti viaggi che sarebbero stati regalati al magistrato dall'ex parlamentare del Pd Ferdinando Aiello con il quale è in rapporti di amicizia. Inoltre, sono state eseguite delle perquisizioni anche a carico dell’ex deputato. Il nome di Luberto sarebbe emerso in un'indagine della Procura di Catanzaro che ha poi trasmesso gli atti a Salerno e dalle quale - secondo quanto ha scritto Il Fatto - sarebbero anche emersi contatti tra il politico e ambienti legati alla criminalità organizzata. Da qui la contestazione dell'aggravante di mafia. Dei fatti sarebbero stati informati anche il Procuratore generale della Cassazione ed il Csm per eventuali aspetti disciplinari. Nessun commento alla notizia dell'indagine è stata fatta da ambienti della procura catanzarese.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy