Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La norma che regola la durata delle indagini preliminari, contenuta nella bozza di ddl delega sul processo penale è "destinata a non incidere sui tempi di svolgimento delle indagini preliminari e dunque a non intervenire sul problema che dice di voler affrontare" e "rischia di vanificare il contrasto non solo alla criminalità organizzata ed al terrorismo ma anche alla criminalità economico-finanziaria e in materia di pubblica amministrazione". Lo sostiene la Giunta dell'Anm, in un documento diffuso dopo la riunione avuta oggi con il Guardasigilli Alfonso Bonafede.
Secondo l'Anm "la nuova disciplina della durata delle indagini preliminari non tiene adeguatamente conto delle ragioni strutturali del carico di procedimenti e, al contempo, della notevole complessità delle attività investigative necessarie per un efficace contrasto alle forme più insidiose di criminalità". A parere dell'Anm si tratterebbe dunque "dell'ennesima norma-manifesto, che individua senza adeguata analisi un problema e costruisce su un'incompleta valutazione una apparente soluzione".

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy