Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
La sentenza del processo bis è prevista per il prossimo 26 novembre

Tre degli indagati nell’inchiesta sul depistaggio, dove sono stati rinviati a giudizio otto Carabinieri, riguardo la morte di Stefano Cucchi. Il provvedimento, firmato dal Gip di Roma, Elvira Tamburelli, riguarda l’avvocato Gabriele Giuseppe Di Sano, cugino di uno dei Carabinieri per i quali è stato richiesto il rinvio a giudizio, il capitano Nico Blanco e il maresciallo Roberto Mandolini, imputato nel processo bis per le accuse di calunnia e falso. La vicenda è venuta alla luce durante l’udienza del processo di oggi che si è svolta davanti alla Corte d’Assise di Roma, dove sono finiti alla sbarra con l’accusa di omicidio preterintenzionale Raffaele D’Alessandro, Alessio Di Bernando e Francesco Tedesco, accusati di aver pestato il geometra romano dopo l’arresto per droga avvenuto il 15 ottobre 2009. Dopo una settimana, Cucchi morì nell’ospedale Pertini di Roma. Uno degli imputati, Francesco Tedesco, solo dopo nove anni ha rivelato il pestaggio nei confronti del geometra romano, Stefano Cucchi, da parte dei due suoi colleghi Raffaele D'Alessandro e Alessio Di Bernardo, imputati come lui di omicidio preterintenzionale.
Per la prima volta oltre alla famiglia Cucchi nel processo sul depistaggio si sono presentati parte civile anche l’Arma dei Carabinieri, il ministero della Difesa e dell’Interno.
Quella di oggi è stata un udienza rapida in cui è stato sentito solo un testimone della difesa poi si è passati al completamento del calendario delle udienze: il 26 novembre potrebbe arrivare la sentenza del processo, mentre il 19 luglio ci sarà la requisitoria del pm Giovanni Musarò.
In aula il teste, il maresciallo capo dei Carabinieri, Piero Rosati, ha parlato del suo rapporto con D’Alessandro: “Posso dire che è un carabiniere che ha sempre manifestato una validità operativa sopra la norma. A livello operativo era molto capace. Insieme con lui e con Francesco Tedesco abbiamo fatto credo più di 100 arresti; in nessuno di questi è mai successo qualcosa. Nella Stazione Appia dove lavoravamo si facevano grandi numeri, ma il motto era ‘fa più male la penna che uno schiaffo'”.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Stefano Cucchi: chiuse le indagini, possibile processo per 8 carabinieri

Processo Cucchi bis, il superteste Tedesco racconta il pestaggio di Cucchi

Processo Cucchi, il pm Musarò: ''Evidente reticenza dei testi''

Processo Cucchi, pm Musarò: ''I carabinieri avevano una relazione segreta sull'autopsia''

Caso Cucchi, tra depistaggi e menzogne dei carabinieri

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy