Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Ardita: "Magistrato con schiena dritta"

Il prossimo primo gennaio 2020 il magistrato Vittorio Teresi andrà in pensione. Durante la sua carriera è stato pm del processo sulla Trattativa Stato-mafia e ne ha coordinato l’inchiesta terminata un anno fa con la condanna degli imputati “eccellenti”: in primo grado ci sono state le pesantissime condanne per i boss di Cosa nostra Leoluca Bagarella e Antonino Cinà insieme ad alti funzionari di Stato, gli ufficiali del Ros, Mario Mori, Antonio Subranni, Giuseppe De Donno, e i politici Marcello Dell’Utri. Condannato per calunia Massimo Ciancimino, invece è stato assolto Nicola Mancino. Ieri il Consiglio superiore della magistratura ha deliberato il collocamento a riposo del magistrato che è stato fino a poco tempo fa Procuratore aggiunto a Palermo. “E’ un magistrato con la schiena dritta, che ha dedicato la propria vita professionale alla lotta alla mafia, in coerenza con l’insegnamento di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, di cui era amico e di cui ha onorato la memoria” ha commentato il relatore della pratica, Sebastiano Ardita, in cui ha illustrato al Csm il provvedimento. "Teresi ha sempre mostrato coerenza e professionalità nella sua esperienza di magistrato - ha continuato - e per questo gli va rivolto un riconoscimento e l’augurio di trascorrere in serenità il meritato riposo dal primo gennaio".
Teresi, dopo la scadenza del mandato da procuratore aggiunto, è attualmente sostituto alla Procura di Palermo e inoltre è presidente del Centro studi Paolo e Rita Borsellino di Palermo. "Sono lusingato - ha commentato Vittorio Teresi all'Adnkronos - Ho sempre apprezzato il coraggio di Sebastiano Ardita. Le sue parole mi ripagano di tante amarezze che ho dovuto subire in questi anni. Divido con i colleghi le soddisfazioni che abbiamo raccolto e non rimpiango nulla di quello che ho fatto e di quello che non ho fatto". E poi ha concluso: “Credo di avere fatto sempre, fino in fondo, il mio dovere".

Foto © Emanuele Di Stefano

ARTICOLI CORRELATI

Stato-mafia, pm in coro: ''Sentenza storica, dimostrazione che processo andava fatto''

Processo trattativa: condannati gli ufficiali del Ros, Dell'Utri e i boss mafiosi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy