Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Confermata l’ordinanza del Gip. Torna in libertà ufficiale Cc D'Agata

Per i giudici del Tribunale del Riesame di Caltanissetta è confermato che l’ex leader di Confindustria Sicilia, Antonello Montante, possa essere ritenuto il capo di un'associazione a delinquere che quindi è configurabile, così come è certificata la correttezza della misura cautelare emessa dal Gip nell'operazione 'Double Face'. L’ordinanza del gip Maria Carmela Giannazzo che ha portato all’arresto di Montante e di altre persone, ora a processo per associazione per delinquere finalizzata, tra l'altro, alla corruzione, è stata avvallata dai giudici del riesame. La notizia è stata pubblicata stamane dal quotidiano La Sicilia. "Ieri - si legge sul quotidiano - è stato il giorno delle speranze che, per il momento, svaniscono: la difesa dell'ex leader di Confindustria Sicilia confidava molto nella pronuncia del Riesame di Caltanissetta, dopo che la Cassazione aveva accolto con rinvio il ricorso, limitatamente alla sussistenza del capo d'imputazione sul reato associativo". La Suprema Corte nelle motivazioni della sentenza emessa lo scorso 21 novembre aveva in pratica confermato l'esistenza del "sistema Montante", descrivendo "l'assoluta centralità" dell'imputato "in grado di creare dal nulla un'allarmante e pervasiva rete illecita, giunta a penetrare non solo nei vertici delle forze dell'ordine in ambito locale, ma anche a livelli apicali di organismi istituzionali operanti a livello centrale". Ma la Cassazione aveva chiesto al Tribunale di fornire una "risposta adeguata" ai "salti logici" e agli "indistinti automatismi", stabilendo appunto se il sistema costruito dall'ex leader confindustriale "si sia strutturato sotto forma di associazione" e "in caso di risposta affermativa, quale sia stata la sua effettiva estensione". E ieri il Riesame ha dato la sua risposta. Sciogliendo la riserva dopo l'udienza camerale. I giudici del Riesame hanno invece annullato l'ordinanza del Gip, limitatamente al capo d'imputazione associativo, per il colonnello dei carabinieri Giuseppe D'Agata, ex capo centro della Dia di Palermo già ai vertici dei servizi segreti dell'Aisi. L'ufficiale, che era agli arresti domiciliari, è stato scarcerato sia pure con l'obbligo di dimora.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Montante, in dodici rinviati a giudizio

Caso Montante: la Procura di Caltanissetta chiede il processo per 24

L'inganno è peggiore del tradimento

Il sistema Montante e quella ''rete'' che arriva fino Roma

Montante, la maschera dell'Antimafia

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy