Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

montante antonello c imagoeconomica 1di AMDuemila
Ascoltati Lirio Abbate ed ex esterna Regione

La Commissione regionale Antimafia siciliana ha acquisito la documentazione depositata dal vice direttore dell'Espresso Lirio Abbate e dall'ex responsabile dello sportello Sprint per l'internazionalizzazione delle imprese della Regione Maria Stassi, entrambi ascoltati ieri nell'ambito dell'istruttoria aperta sul cosiddetto "sistema Montante", la fitta rete di relazioni che l'ex presidente di Sicindustria, Antonello Montante, arrestato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, avrebbe messo in piedi grazie ai rapporti con il mondo dell'informazione, della politica e di apparati dello Stato. Secondo quanto si apprende, Abbate ha confermato di avere incontrato Montante ma sempre in presenza di altra gente, per motivi professionali e di non aver avuto alcun rapporto con l'imprenditore dopo la notizia, pubblicata nel 2015, dell'indagine per mafia a carico dell'industriale; inoltre ha consegnato alcuni articoli di stampa, tra cui quello nel quale criticava la scelta dei probiviri di Confindustria di mettere fuori dall'associazione Marco Venturi, uno degli accusatori del 'sistema Montante'. Maria Stassi, invece, avrebbe sostenuto che le decisioni prese dai dirigenti dell'assessorato alle Attività produttive, quando lei guidava lo sportello Sprint, erano dettate da indirizzi politici dell'allora governo. L'Antimafia incrocerà la documentazione acquisita con altri elementi raccolti.
Dopo l'audizione Abbate ha anche rilasciato una dichiarazione: "Oggi in Commissione regionale antimafia ho dimostrato, carte alla mano, la mia totale estraneità rispetto al sistema Montante e che non ho subito alcuna influenza, nello svolgimento del mio lavoro, né da Montante, né da persone a lui vicine". "Tra i documenti che ho depositato oggi in Antimafia - ha aggiunto Abbate - c'è anche l'esposto-denuncia seguito alle dichiarazioni che l'ex governatore siciliano Rosario Crocetta ha reso durante il processo ai giornalisti Piero Messina e Maurizio Zoppi". L'ex Governatore della Sicilia aveva parlato di dossieraggi nei suoi confronti. Abbate, con la documentazione, rigetta le accuse spiegando che si tratta "di una versione completamente diversa da quella fornita dal governatore, i documenti dimostrano la mia assoluta correttezza".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy