Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Domenica si terrà la processione, un segnale per stare vicino a chi resiste

La notizia è stata confermata nei giorni scorsi dalla Prefettura della Casa Pontificia: "Domenica 3 giugno, nella Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo, alle ore 18, il Santo Padre Francesco celebrerà la Santa Messa nella piazza antistante la parrocchia di Santa Monica a Ostia. Al termine della Celebrazione Eucaristica si svolgerà la processione con il Santissimo Sacramento, che si concluderà nei pressi della Parrocchia 'Nostra Signora di Bonaria', con la Benedizione eucaristica impartita dal Santo Padre". Un atto che "rompe" la tradizione (da anni la processione del Corpus Domini si tiene da San Giovanni in Laterano fino a Santa Maria Maggiore) ma lancia un chiarissimo segnale per un intero territorio che da diverso tempo è alla ribalta nelle cronache, fortemente segnato dalle violenze e la presenza dei clan mafiosi.
Il Santo Padre "ha sentito il dovere, forse l’esigenza, di manifestare una vicinanza particolare alle tante famiglie che abitano il litorale anche come conseguenza dei fatti che, negli ultimi anni, hanno portato all’onore delle cronache questa zona di Roma: il commissariamento, la mafia, gli arresti di massa, le minacce e la violenza di alcuni boss locali su coraggiosi giornalisti" ha dichiarato il vescovo del settore Sud Paolo Lojudice.
E' la terza volta che papa Francesco va ad Ostia. La prima a Regina Pacis nel 2015 proprio  dopo la nomina del vescovo ausiliare e la seconda il 19 maggio dello sorso anno. Visitò e andò a benedire gli abitanti di un comprensorio di case popolari e fu accolto da un bagno di folla. Essere ad Ostia vuole, dunque, essere un segnale importante e di continuità anche rispetto a quelle denunce, forti, che il Pontefice ha sempre portato avanti, anche di recente. "Mafiosi e corrotti non possono dirsi cristiani: portano la morte nell’anima e agli altri, hanno il cuore pieno di putredine" aveva detto all’udienza generale in piazza San Pietro prima del Triduo Pasquale. E come dimenticare la scomunica ai mafiosi nel giugno 2014? Domenica sarà un nuovo atto di responsabilità contro violenze e soprusi, in particolare quelle mafiose.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Papa Francesco e la lotta alla mafia

Papa: opporsi contro mafia e corruzione

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy