Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

linares giuseppedi Rino Giacalone
L’ex capo della Mobile di Trapani e direttore della Dia di Napoli adesso guiderà il Servizio Centrale Anticrimine Viminale
Ha lasciato la guida della Dia di Napoli ed è rientrato tra i ranghi del Ministero dell’Interno, il neo dirigente superiore Giuseppe Linares, dopo l’odierna nomina a direttore della Sezione Centrale Anticrimine. Un salto in avanti per l’ex capo della Squadra Mobile di Trapani al quale il Capo della Polizia, il prefetto Franco Gabrielli, ha voluto affidare uno degli uffici fra i più esposti nella lotta al crimine organizzato e alle mafia.
La Sezione Centrale Anticrimine si occupa sopratutto della lotta economica alle mafie, coordinando le attività di prevenzione e sequestro dei beni. Una nomina che segna in positivo il 26° anniversario della strage mafiosa di Capaci. Il Viminale ha scelto di operare in questo senso certamente apprezzando e valorizzando le capacità di Linares, ma in questa nomina si potrebbe anche leggere la decisione di percorrere nella lotta alla mafia la strada del riscatto. Facendo magari ammenda di errori che potrebbero aver fatto altri, quando preferirono mandare in Campania e non far restare in Sicilia un investigatore di grande eccellenza e profondo conoscitore del sistema Cosa nostra. E forse per questa ragione qualcuno lo riteneva scomodo.
Ci sono processi in corso, come quello contro l’ex sottosegretario all’Interno Antonio D’Alì, imputato per  concorso esterno in associazione mafiosa: tra le carte del processo ci sono testimonianze che inducono a sospettare D’Alì di aver esercitato pressioni per far trasferire da Trapani Linares ai tempi in cui guidava la Mobile del capoluogo.
Giuseppe Linares, in Polizia dal 1992, dal 2013 capo della Direzione Investigativa Antimafia di Napoli, è stato promosso lo scorso aprile a dirigente superiore,  è il più giovane dei dirigenti superiori della Polizia di Stato. Linares arrivò nel 1992 alla Squadra Mobile di Trapani, dal 1996 al 2010 ne è stato dirigente, periodo segnato dalla cattura di numerosi latitanti, a cominciare dal capo mafia di Trapani Vincenzo Virga, poi i fratelli Amato di Marsala, Sinacori di Mazara, Milazzo di Paceco, all’arresto di Salvatore Messina Denaro, fratello dell’attuale ricercato Matteo, per fare alcuni nomi, artefice con un gruppo di specializzati “cacciatori” di mafiosi e latitanti delle indagini antimafia “Progetto Belice”, “Rino”, “Halloween”, “Golem”.
Linares dal 2010 al 2013, quando fu promosso primo dirigente, divenne capo della Divisione Anticrimine sempre della Questura di Trapani, incarico che lo vide portare a termine una serie di indagini che portarono al sequestro e alla confisca di beni mafiosi, un lavoro investigativo che portò a sequestri di beni tra gli altri in capo all’ex deputato regionale Pino Giammarinaro e alla holding della famiglia Morici. Negli ultimi 5 anni ha diretto la Dia napoletana e anche li anni segnati da indagini che hanno piegato l’organizzazione mafiosa e camorristica, con arresti e sequestri di beni.

Tratto da: liberainformazione.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy