Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

carcere web1Ieri la sentenza emessa dal Gup
di AMDuemila
Reggio Calabria. Sono stati condannati 34 dei 38 imputati del processo "Gotha" alle cosche di ‘Ndrangheta di Reggio Calabria, svoltosi con rito abbreviato davanti al Gup distrettuale Pasquale Laganà. La decisione del Gup non si è discostata di molto dalle richieste che erano state fatte nello scorso mese di dicembre dai rappresentanti della pubblica accusa, il procuratore aggiunto della Repubblica Giuseppe Lombardo ed i pm della Dda Stefano Musolino e Walter Ignazitto.
La condanna più alta - 20 anni di reclusione - è stata inflitta all'avvocato Giorgio De Stefano, indicato come uno dei capi dell'omonima cosca. Alla stessa pena sono stati condannati i fratelli Mario e Domenico Stillitano. Diciotto anni di reclusione sono stati comminati, invece, ad Antonino Nicolò e Roberto Franco e 15 a Dimitri De Stefano, figlio del defunto boss Paolo De Stefano. A 13 anni è stato condannato l'imprenditore Emilio Angelo Frascati e a 12 Natale Saraceno e Domenico Marcianò. Due anni di reclusione sono stati inflitti, inoltre, all'ingegnere Antonio Idone, ex consigliere di amministrazione di Fincalabra, società in house della Regione Calabria, e cinque anni e quattro mesi ad Aldo Inuso, cancelliere della Corte d'appello di Reggio Calabria, in atto sospeso dal servizio. A tre anni e quattro mesi è stato condannato l'ex sindaco di Villa San Giovanni Antonio Messina.
I quattro imputati assolti sono Antonino e Domenico Chirico, padre e figlio, per i quali il pm aveva chiesto la condanna ad un anno e quattro mesi, e Michele Serra e Paola Colombini. Per questi ultimi due anche la pubblica accusa aveva chiesto l'assoluzione.
L'inchiesta 'Gotha' era scaturita da cinque indagini sulla ‘Ndrangheta di Reggio Calabria che avevano come oggetto i rapporti con la massoneria deviata ed i condizionamenti esercitati su settori della pubblica amministrazione reggina.
Nel secondo troncone del processo, che si sta svolgendo col rito ordinario davanti al Tribunale, sono imputate 34 persone, tra cui gli avvocati Paolo Romeo e Antonio Marra; il parroco di San Luca Giuseppe Strangio; l'ex senatore Antonio Caridi e l'ex magistrato di Cassazione Giuseppe Tuccio, che è stato anche Procuratore della Repubblica di Palmi.

Fonte: ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy