Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ciancimino massimo cappello c ansadi AMDuemila
Il Tribunale di Caltanissetta, presieduto da Valentina Balbo, ha condannato a sei anni Massimo Ciancimino, il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo don Vito, importante testimone nel processo trattativa Stato-mafia. Il pm Stefano Luciani aveva chiesto 5 anni e 9 mesi accusando Ciancimino Jr di calunnia nei confronti dell'ex capo della polizia Gianni De Gennaro e dell'ex componente del Sisde Lorenzo Narracci.
Riguardo quest'ultimo il super testimone del processo trattativa Stato-mafia aveva raccontato essere stato un intermediario tra il padre Vito e il fantomatico "signor Franco" oltre ad aver fornito informazioni al padrino corleonese Bernardo Provenzano.
L'offesa a De Gennaro invece, secondo l'accusa sarebbe avvenuta quando il figlio di don Vito incolpò l'ex capo della polizia di aver fatto gli interessi del conte Romolo Vaselli, molto legato al padre Ciancimino. Oltre che in una confidenza fatta ad un funzionario della Dia nissena, in cui Ciancimino Jr avrebbe indicato l'ex capo della polizia e del Cesis come il "signor Franco-Carlo". Il misterioso e ambiguo personaggio spesso citato da Massimo Ciancimino come l'uomo cerniera tra mafia e Servizi segreti.
Massimo Ciancimino aveva chiamato in causa De Gennaro anche nella storia, risalente al 2004, del passaporto per il figlio neonato. Massimo Ciancimino aveva raccontato di aver chiamato ad un numero riferibile a De Gennaro il quale avrebbe accelerato il rilascio del passaporto.
Ciancimino Jr è anche accusato di violazione del segreto istruttorio per avere rivelato notizie riservate ad alcuni giornalisti e per due episodi il reato è caduto in prescrizione.
Gli avvocati del figlio di don Vito lo scorso 14 novembre avevano snocciolato punto per punto le motivazioni per cui, secondo loro, Ciancimino Jr doveva essere assolto. Oggi oltre la condanna resta il fatto che il figlio dell'ex sindaco mafioso di Palermo è stato un testimone importante per il processo trattativa Stato-mafia. Un processo storico, che ormai giunge al termine, nel quale sono emersi elementi importanti sul periodo stragista taciuti per molti anni. Elementi che, ad ogni modo, sono stati raccontati da alcuni “smemorati” solo in seguito alle molteplici rivelazioni di Massimo Ciancimino.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy