Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giacalone rino 960di Aaron Pettinari
Una decisione che lascia sconcertati. E’ questa la sensazione che si ha nell’apprendere una notizia come quella che coinvolge il nostro collega, Rino Giacalone. Le agenzie di stampa hanno ribattuto che “anche un boss di mafia come Mariano Agate, capo mandamento di Mazara condannato all'ergastolo per la strage di Capaci, morto il tre aprile 2013 a 73 anni, ha diritto alla ‘dignità’ in quanto il ‘nostro ordinamento riconosce a qualunque essere umano, anche a chi è appartenuto a una associazione malavitosa sanguinaria e nefasta (o addirittura la capeggia)’ e non può essere paragonato ad un escremento”. A sancirlo è la Suprema Corte di Cassazione nelle motivazioni, depositate ieri, in base alle quali, lo scorso maggio, ha annullato l'assoluzione emessa "perché il fatto non costituisce reato" nei confronti del giornalista, accusato di aver diffamato la memoria di Agate perché sul web ne aveva ricordato la storia criminale concludendo che la sua morte aveva tolto alla Sicilia "un gran bel pezzo di m….”, parafrasando la famosa frase di Peppino Impastato, “la mafia è una montagna di merda”. Un “teatrino dell’assurdo” che ha visto sullo stesso fronte nel ricorso presentato alla massima Corte, i pm della Procura di Trapani, supportati dai familiari di Agate. Secondo gli ermellini "il fondamento costituzionale del nostro sistema penale postula la 'rieducabilità' anche del peggior criminale e, pertanto, non può tollerare, neanche come artifizio retorico, la sua reificazione". Giacalone, querelato dalla vedova e dai figli del boss, era stato prosciolto dal giudice di Trapani Gianluigi Visco, nel giugno 2016, in quanto l'espressione usata "imponeva al lettore di confrontarsi con il sistema pseudo-valoriale" di Cosa Nostra "di cui era parte l'Agate, in un contesto ambientale nel quale la confusione (o apparente coincidenza) tra valori e disvalori costituisce un obiettivo preciso del sodalizio criminoso". Secondo il tribunale la frase "rappresentava uno strumento retorico in grado di provocare nel lettore un senso di straniamento" per "sollecitarlo ad una nuova consapevolezza sulla necessità di sradicare ogni ambiguità nella scelta tra contrapposti (seppur artatemente confondibili) sistemi valoriali". Ma la Cassazione si è dissociata "dalla finalità" perseguita dal blogger "di aggredire l'ambiguità del sistema di controvalori mafioso" ritenendola "non idonea a giustificare la lesione di un valore fondamentale della persona". "E si ritiene doveroso aggiungere - prosegue la Suprema Corte - di qualunque persona, anche del riconosciuto autore di delitti efferati, giacché proprio il rispetto di tali diritti vale a qualificare la superiorità dell'ordinamento statale, fondato sulla centralità della protezione dell'individuo, rispetto ad organizzazioni criminali, che invece si nutrono del sostanziale disprezzo di chi non risponda alle proprie finalità, quale che sia il modo in cui esse possano autorappresentarsi per cercare di conquistare il consenso sociale". Aggiunge inoltre la sentenza 50187 che la "celebre frase" di Giuseppe Impastato - "la mafia è una montagna di m...." - sottolineava "la devastante capacità" dei clan di "intaccare le strutture portanti della società civile" e non può essere d'aiuto perché non prendeva di mira il singolo.
Un vero e proprio paradosso se si considera che proprio Salvo Vitale, storico compagno di mille battaglie di Peppino Impastato, sentito al processo, aveva ricordato che “nel 1966, Peppino creò un giornale che come prima uscita titolava in prima pagina: La mafia è una montagna di merda. Un articolo che al suo interno citava con coraggio i nomi dei mafiosi e dei politici corrotti”. Non solo. Vitale aveva spiegato i motivi per cui dire che la mafia è una montagna di merda e i loro singoli componenti dei pezzi di merda fosse un’affermazione assolutamente tautologica. “Oggi - aveva ribadito - è uno slogan che viene utilizzato da moltissimi e da chiunque si occupi di antimafia. In questo modo si intende delegittimare il sistema di potere e di rispetto che ruota attorno gli uomini di Cosa nostra”. Dopo la decisione dei Supremi giudici Giacalone dovrà tornare sotto processo davanti alla Corte di Appello di Palermo. A lui era stata espressa solidarietà dalla Fnsi, e da parlamentari dem e M5s, come Mattiello e Giarrusso. E le prime reazioni sono giunte proprio dai due parlamentari. "Le motivazioni della Cassazione sconcertano - ha detto l'on. Davide Mattiello - la lesione della dignità della persona sta nelle azioni compiute dalla persona medesima, non nelle parole che si adoperano per descriverle. E’ senz’altro vero che il nostro ordinamento giuridico tutela la dignità di chiunque, ma davvero quella di Agate, boss di Cosa Nostra, responsabile di delitti efferati è messa in discussione dalla parola usata da Giacalone? E' paradossale. La dignità di Agate è stata erosa dai delitti che questi ha commesso, senza mai pentirsi nell’unico modo che è dato di cogliere alle Istituzioni di uno Stato laico, cioé attraverso la collaborazione con la Giustizia. La dignità di una persona viene compromessa dalla violenza che questi genera, dal dolore ingiusto provocato nelle vittime, un dolore spesso senza fine. Quando una persona offende la sua stessa dignità compiendo tanto male, diventa non soltanto criminale, ma un “bandito”, cioé una persona degna di essere espulsa dal consorzio sociale. Esattamente come si fa con un escremento: espulso dal corpo, bandito, appunto (tanto che si tira anche l’acqua!). Giacalone ha usato una parola appropriata per definire una realtà che dovrebbe essere, quella si, ritenuta indegna". Dure anche le critiche di Giarrusso: "In questo Paese ormai completamente devastato dalla corruzione e dalle mafie, si è perso qualsiasi senso della misura, se non del ridicolo. La Cassazione, con la sentenza in questione, non sta recando offesa e discredito al bravo e coraggioso giornalista Rino Giacalone, ma sta condannando in maniera postuma e retroattiva Peppino Impastato. È stato Peppino Impastato a definire la mafia una montagna di merda. È stato Peppino Impastato ad apostrofare come pezzo di merda Tano Badalamenti. E non erano insulti per questioni personali, ma pesanti giudizi civili su un fenomeno criminale come "Cosa Nostra" e sui suoi capi e gregari. Con questa sentenza la Cassazione afferma invece che Peppino Impastato sbagliava e commetteva addirittura un reato. Povero Peppino, per quale paese di vigliacchi infami hai dato la vita. Forse non ne valeva la pena. Non valeva la pena dare la vita per uno Stato che difende la "dignità" dei mafiosi. Uno Stato simile non ha più dignità nè autorevolezza. Di simili giudici questo povero Paese non ha proprio bisogno. Con questa oltraggiosa sentenza, questi giudici si sono schierati. Non è vero che il diritto è neutrale. I vigliacchi sono neutrali, gli altri scelgono da che parte stare. Il nostro paese ha bisogno di schierarsi contro le mafie e poterle giudicare ora e sempre, una montagna di merda. Con nomi cognomi e facce annesse. Gli altri, quelli che scelgono di tutelare 'cosa nostra' ed un pericoloso e sanguinario boss come era Mariano Agate, sono inutili e dannosi e come tali vanno dismessi. Se no non vinceremo mai la lotta contro le mafie".
Anche familiari di vittime di mafia come Flora Agostino hanno immediatamente sostenuto il giornalista rilanciando anche l’hastag #siamotuttirinogiacalone e riprendendo le parole di Mattiello.
In serata ha commentato anche lo stesso Giacalone, difeso dagli avvocati Enza Rando, Carmelo Miceli, Giorgio Vasaturo e Domenico Grassa: “Abbiamo atteso mesi per leggere queste motivazioni. I giudici non hanno accolto la richiesta del procuratore generale di rigetto dell'appello prodotto dalla Procura di Trapani ma sopratutto hanno voluto annullare una sentenza di assoluzione tra le pochissime in Italia pronunciate in nome all'articolo 21 della Costituzione, articolo in nome del quale continuerò ad appellare come pezzi di merda, perché appartenenti alla montagna di merda mafiosa, i boss che si sono macchiati di gravissimi reati con i quali ogni qualvolta sono stati commessi hanno tentato di scardinare nel nostro Paese la libertà e la democrazia".

In un Paese al contrario come il nostro è sempre più indispensabile opporsi a queste ingiustizie attraverso un impegno quotidiano al fianco di chi ha ancora il coraggio di dire la verità. A Rino Giacalone l'abbraccio e la piena solidarietà di tutta ANTIMAFIADuemila.

ARTICOLI CORRELATI

Giacalone, Agate e Impastato, in Cassazione si discute di articolo 21

''La mafia è una montagna di merda e i mafiosi sono dei pezzi di merda''

Giacalone, il processo si poteva evitare

Le sentenze che raccontano chi è stato il boss Agate

Riprende il processo al giornalista Rino Giacalone, querelato dai familiari del boss Agate

Vedova Agate contro Rino Giacalone: la dichiarazione spontanea del giornalista

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy