Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

processo sabr auladi Antonio Nicola Pezzuto
La sentenza emessa dalla Corte d’Assise di Lecce al termine del processo “Sabr” di primo grado è importante perché riconosce il reato di “riduzione in schiavitù” in un procedimento giudiziario che interessa il mondo del lavoro.
L’inchiesta del Procuratore Aggiunto Elsa Valeria Mignone e dei Carabinieri del ROS ha fatto luce su ciò che è accaduto nelle campagne di Nardò tra il gennaio del 2009 e l’ottobre del 2011, periodo in cui si sono svolte le indagini.
“Ora quelli te li sfianco fino a questa sera…”, è una delle frasi pronunciate dai caporali e intercettate dagli investigatori.
Uomini trattati in maniera disumana, una triste pagina della storia salentina e italiana.
A scriverla, un’organizzazione criminale avente una struttura verticistica, composta da caporali e imprenditori senza scrupoli.
“Un’organizzazione criminale transnazionale costituita da italiani, algerini, tunisini e sudanesi, attiva anche a Rosarno e in altre parti del sud Italia”, così la definiva il GIP di Lecce, Carlo Cazzella, nell’ordinanza di custodia cautelare.
Il luogo simbolo di questa grave vicenda è la masseria Boncuri, situata nelle campagne di Nardò. È lì che veniva calpestata la dignità umana e si manifestava in tutta la sua crudeltà ed efferatezza la brama di ricchezza di persone senza scrupoli.
Gli immigrati venivano sottoposti a turni di lavoro nei campi di almeno 10-12 ore, al caldo torrido, senza riposo settimanale, per una paga di 20-25 euro, nella maggior parte dei casi in nero. Una parte consistente del salario veniva trattenuta dal caporale e dall’intermediario.
La condizione di clandestinità costringeva i lavoratori stranieri ad accettare qualsiasi occupazione per poter sopravvivere. Arrivavano soprattutto dalla Tunisia spinti dalla disperazione e allettati dalla prospettiva di un lavoro regolare in agricoltura che potesse fruttare una paga dignitosa e buone condizioni di vita.
Gli immigrati sbarcavano in Sicilia, soprattutto a Pachino, centro noto per la coltivazione del pomodoro ciliegino, e da qui venivano reclutati dall’organizzazione.
E proprio a Pachino, nel 2009, allo scopo di reclutare manodopera, si è recato Pantaleo Latino, ritenuto “promotore e organizzatore del sodalizio”.
Gli uomini erano trattati come schiavi, ammassati in casolari abbandonati e fatiscenti, privi di servizi igienici e arredi, costretti a pagare a prezzi spropositati alimenti e bevande forniti dai caporali. Se si ribellavano, venivano sottratti loro i documenti.
Le angurie che arrivavano nei centri commerciali della Lombardia e dell’Emilia Romagna erano il frutto di uno sfruttamento disumano.
Ci fu un gruppo di lavoratori, capeggiati dal giovane ingegnere camerunense Yvan Sagnet, che trovarono la forza di ribellarsi denunciando e testimoniando nel processo.
Ed è anche grazie alla forza e alla voglia di combattere di chi non si è sottomesso che si è arrivati alla nuova legge sul caporalato approvata nel 2016 al fine di colpire anche i proprietari delle aziende agricole che impiegano braccianti sfruttati.
Tra i condannati a undici anni di reclusione e all’interdizione perpetua dagli uffici pubblici, con l’accusa di “riduzione in schiavitù”, spiccano i nomi di Pantaleo Latino, ritenuto l’imprenditore che organizzava l’arrivo, la permanenza e i turni di lavoro dei braccianti, Livio Mandolfo, Giovanni Petrelli e il tunisino Ben Mahmoud Saber Jelassi.
L’inchiesta fu denominata “Sabr” dal soprannome di quest’ultimo.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy