Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

caccia bruno web4L’avvocato Repici, “pista alternativa" su mafia e servizi
di AMDuemila
Sono stati chiesti risarcimenti per un totale di 10 milioni di euro dall'avvocato Fabio Repici, legale dei familiari di Bruno Caccia, il procuratore di Torino ucciso nel 1983, nel processo milanese a carico di Rocco Schirripa, arrestato nel dicembre del 2015 e ritenuto l'esecutore materiale dell'omicidio.
Il legale di parte civile, nel corso del suo lungo intervento, ha insistito però, anche sulla cosiddetta pista alternativa che intreccia mafia e servizi segreti e che da tempo ormai la famiglia del magistrato ucciso sta portando avanti. L'avvocato Repici, davanti alla prima Corte d'Assise, dopo aver spiegato che "non c'è alcun dubbio" che Domenico Belfiore, condannato all'ergastolo in via definitiva come il mandante per conto della 'ndrangheta, "sia corresponsabile dell'omicidio" e che lo sia anche Schirripa, ha fatto notare come anche nel processo a quest'ultimo, così come "13 anni fa nel processo Belfiore", "si è bloccato ogni accertamento ulteriore, si è preso l'albero per non prendere l'intero bosco".

Fonte ANSA

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy