Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

dali antonio 500Il senatore era tra i candidati come sindaco di Trapani
di AMDuemila
La Dda di Palermo ha chiesto il soggiorno obbligato per il senatore di Forza Italia Antonio D'Alì. Il provvedimento è stato notificato agli avvocati Gino Bosco, Stefano Pellegrino e Arianna Rallo, suoi legali difensori, e sarà discusso all'udienza che si celebrerà davanti al tribunale, fissata per luglio. Il senatore si era candidato per correre alle elezioni come sindaco di Trapani, e l'atto è stato consegnato ieri pomeriggio, qualche ora dopo la chiusura delle liste.
Il senatore di Fi, a seguito del provvedimento della procura, ha scelto di abbandonare la campagna elettorale. "La persecuzione giudiziaria continua. Due volte assolto e nuovamente aggredito" ha dichiarato D'Alì. Lo scorso settembre D'Alì era stato assolto in appello dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa per i fatti avvenuti dopo il 1994. Ma per gli anni precedenti, in realtà, i reati erano stati riconosciuti, anche se caduti in prescrizione. La decisione della Procura è stata quella di avvalersi degli indizi a carico dell'imputato per sostenere la sua pericolosità sociale, facendo richiesta del soggiorno obbligato a Trapani.
Secondo la corte d’appello di Palermo D'Alì ha contribuito al rafforzamento di Cosa nostra almeno fino al 1994 "con coscienza e volontà". Di lui hanno parlato una serie di collaboratori di giustizia, in merito alla sua “piena disponibilità nei confronti dei massimi esponenti della mafia trapanese”, non legata a patti siglati con i boss, che ad ogni modo gli hanno dato il loro “appoggio elettorale” ai tempi della prima candidatura al Senato. La prescrizione, però, ha fatto sì che il senatore evitasse la condanna a 7 anni e 4 mesi per concorso esterno a Cosa nostra.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy