Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

ingroia c paolo bassani 2015 1di AMDuemila
Palermo. "La politica purtroppo ha scelto per tutti noi di trattare e convivere con la mafia anziché sconfiggerla.” A dirlo è Antonio Ingroia,  presidente di Azione Civile ed ex pm Antimafia a margine del premio Internazionale giuridico-scientifico "Falcone e Borsellino”.
“Da sempre la classe dirigente del Paese - ha aggiunto - ha preferito convivere con la mafia anziché combattere per eliminarla".
Tra i premiati c’è anche, il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri. ”Ha ragione Nicola Gratteri quando dice che bisogna stare in guardia dai nuovi gattopardi, i nemici di Giovanni Falcone che poi lo hanno osannato dopo la sua morte e, presentandosi come suoi amici, hanno fatto luminose carriere in vari campi e settori" ha detto ancora Ingoria. "Del resto - ha aggiunto Ingroia, che era tra i giurati - il 25esimo anniversario delle stragi può essere finalmente l'occasione per fare un bilancio della guerra contro la mafia, che lo Stato poteva vincere e non ha voluto vincere".

Fonte ANSA

Foto © Paolo Bassani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy