Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

valenza benedettoSequestro beni per 4 milioni per l'imprenditore borgettano Valenza
di AMDuemila
E' stata sequestrata a Partinico, sotto ordinanza della Guardia di Finanza di Palermo, una villa con piscina, area SPA e boschetto privato, finemente arredata per un valore totale di circa 4 milioni di euro. Il destinatario del provvedimento è Benedetto Valenza, già coinvolto in diversi processi di mafia, figlio di Salvatore e nipote di Erasmo, esponenti di vertice della famiglia mafiosa di Borgetto, nonché vittime di lupara bianca, il 21 aprile del 1983, in quanto “uomini d’onore” legati al gruppo del noto boss Gaetano Badalamenti. Fin dagli anni ’90, Valenza era considerato l’imprenditore di riferimento, per la produzione di calcestruzzi, delle famiglie mafiose dei Vitale e dei Brusca, riuscendo così a raggiungere una posizione di monopolio grazie alla protezione di “cosa nostra”. 

Nonostante il suo impero aziendale fosse stato smantellato nel luglio 2001 grazie al provvedimento di confisca emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo a seguito di una indagine da cui emerse chiaramente la sua vicinanza ai fratelli Vitale, Valenza era riuscito comunque a reinserirsi nel settore della produzione e fornitura di calcestruzzo e conglomerati bituminosi, intestando fittiziamente beni e società a vari prestanome. In questo modo gestiva, 5 impianti di calcestruzzo ed una società di trasporto merci dislocati tra le province di Palermo e Trapani.
Nel 2007 e nel 2009 è stato quindi arrestato per il reato di intestazione fittizia di beni, nell’ambito di indagini dalle quali, tra l’altro, erano emersi il controllo esercitato dalla mafia sugli appalti pubblici nella Sicilia occidentale e l’utilizzo di cemento depotenziato per la realizzazione delle opere, allo scopo di incrementare i profitti. Dopo un nuovo arresto sempre per il medesimo reato nel 2014, le Fiamme Gialle del GICO di Palermo hanno eseguito un sequestro di beni del valore complessivo di circa 4 milioni e mezzo di euro.
Tra questi non era però compresa una sfarzosa villa di circa 500 mq con vasto parco pari a 5.000 mq, realizzata su un terreno ereditato da Valenza prima della sua illecita scalata imprenditoriale. Più recenti indagini hanno permesso di scoprire che la costruzione della villa è avvenuta tra il 1994 ed il 1998, anni in cui le attività illecite di Valenza, durante la sua scala imprenditoriale, erano già in atto. Per tale motivo, ed alla luce della evidente sproporzione fra redditi dichiarati e beni posseduti, la Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo ha ritenuto che l'abitazione e le sue pertinenze fossero disposte a sequestro.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy