Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

palma annamariaLa bocciatura di Teresi per il posto lasciato vacante da De Francisci
di Miriam Cuccu

Sarà Anna Maria Palma il nuovo Avvocato Generale di Palermo, posto vacante da quando Ignazio De Francisci è stato nominato procuratore generale di Bologna (al posto di Marcello Branca, attualmente in pensione). La Commissione incarichi direttivi del Consiglio superiore della magistratura, si legge sul Fatto Quotidiano, ha infatti assegnato quattro voti alla Palma a seguito dell'intesa tra i togati di destra (Magistratura Indipendente), di centro (Unicost) e i laici di centro-destra e centro-sinistra. I due voti dei magistrati di Area, invece, sono stati indirizzati ad Ettore Costanzo, magistrato della Procura generale di Palermo.
Clamoroso, invece, il fatto che nessun voto del Csm è andato a Vittorio Teresi, procuratore aggiunto di Palermo e tra i pm del processo trattativa Stato-mafia. Un fatto che ricorda quando il Consiglio superiore della magistratura bocciò tutte le domande di avanzamento di carriera presentate da Nino Di Matteo, ugualmente pm del pool trattativa, e per di più odiato da Totò Riina e dai ranghi di Cosa nostra tanto da essere stato ordito un piano per la sua eliminazione. Così, come ieri Di Matteo restò fuori dalla Procura nazionale antimafia, oggi sembra di assistere alla stessa bocciatura nei confronti di Teresi.
La Palma è stata per dieci anni magistrato fuori ruolo, così come per anni non portò la toga l'attuale procuratore del capoluogo siciliano, Franco Lo Voi, considerato “vicino” ad ambienti del Quirinale.
Nel curriculum della Palma c'è il ruolo all'interno dell'equipe di Renato Schifani, ex presidente del Senato. Poi divenne vice capo di gabinetto per gli affari di Giustizia. Ma non sono solo le ultime cariche ricoperte ad averla avvicinata alla politica: il nuovo Avvocato Generale, infatti, vanta un legame molto stretto, tanto da essere stata testimone di nozze, con l'ex presidente della Regione Sicilia Totò Cuffaro, poi condannato per mafia. Da magistrato, invece, la Palma è stata tra i pm che si occuparono delle primissime indagini sulla strage di via d'Amelio. Le stesse che confluirono nel primo processo Borsellino (arrivato ormai al suo quarto dibattimento) fondato sulle false dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Pentiti che, in seguito, accusarono di essere stati costretti da magistrati e poliziotti di quel gruppo investigativo a rendere versioni costruite ad arte.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy