Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cutro ignazio bn fbAss. testimoni di giustizia: “Gravi fenomeni di sottovalutazione sicurezza”
di AMDuemila
I testimoni di giustizia lamentano di assistere “impotenti alla continua confusione e mortificazione” della loro “dignità”. E questo a pochi mesi dalla probabile approvazione della legge di riforma del sistema di protezione per chi ha denunciato la criminalità organizzata.
Una dichiarazione che segue quanto accaduto ad Ignazio Cutrò, presidente dell’Associazione nazionale testimoni di giustizia, quando pochi giorni fa è stato invitato a Salerno per dare la propria testimonianza di ribellione alle mafie e di sostegno a tutti gli imprenditori e commercianti che vogliono opporsi alle prepotenza e violenza mafiosa. “Ebbene di violenza e di prepotenza è stato vittima Ignazio Cutrò – è la dichiarazione dell’Associazione – al cui arrivo all’aeroporto di Napoli non solo si è visto inspiegabilmente e gravemente depotenziato il servizio di scorta ma è stato destinatario di gravi insulti da parte di un esponente delle forze di polizia che lo ha dapprima definito più volte collaboratore di giustizia e poi lo ha insultato con parole gravemente ingiuriose”. “I testimoni di giustizia sono la punta di diamante nello Stato nella lotta contro le mafie", è stata l'affermazione di Cutrò, ma nonostante ciò “assistiamo ancor oggi a gravi fenomeni di sottovalutazioni sulla loro sicurezza”, mentre per altri, come l’ex presidente delle Misure di prevenzione del tribunale di Palermo Silvana Saguto, “lo stesso Stato mantiene il servizio di scorta pur avendo, la Saguto, irrimediabilmente compromesso il prestigio delle Istituzioni a seguito della sua condotta in quanto indiziata di gravi reati quali corruzione, abuso d’ufficio e riciclaggio. Ai testimoni di giustizia – è stata la conclusione – non resta che l’amara considerazione che in questo Paese chi si espone contro le mafie finisce per essere considerato solo un ingrato rompiscatole”.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy