Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cannizzo francesca rita maria cop ansaScambio di favori con il giudice Saguto
di AMDuemila
Dietro proposta del ministro dell'interno Angelino Alfano il consiglio dei ministri ha rimosso il prefetto di Palermo Francesca Rita Maria Cannizzo. Dal Viminale arriva la precisazione che sarebbe stata la stessa Cannizzo a chiedere di andar via.
Nei giorni scorsi il nome del prefetto era finito nella vicenda della malagestione dei beni confiscati alla mafia, un'inchiesta nella quale sono coinvolti, tra gli altri, il giudice Silvana Saguto ed altri magistrati. Da ottobre la posizione del prefetto è al vaglio degli inquirenti di Caltanissetta. Oggetto di particolare attenzione alcune sue conversazioni intercettate con la Saguto, ex presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, indagata per corruzione aggravata, induzione alla concussione e abuso d'ufficio. Gli accertamenti sul ruolo del prefetto ruoterebbero attorno al rafforzamento della scorta al magistrato decisa a seguito della notizia, diffusa lo scorso 22 maggio da alcuni siti web e agenzie, che la mafia voleva uccidere la Saguto e Renato Natale, un altro magistrato. I magistrati nisseni sospettano che si sia trattato di un'operazione costruita ad arte. Emerge, tra le verifiche in corso, l'ipotesi che un ufficiale della Dia di Palermo avrebbe diffuso una notizia molto vecchia, riferita ad una nota dei servizi segreti che dava l'allarme per l'incolumità della Saguto, al fine di sollevare un clamore mediatico attorno alla giudice.
Il nome del prefetto Cannizzo, amica della Saguto, viene fuori già a fine settembre, pochi giorni dopo che la Finanza perquisisce gli uffici del tribunale. Il giudice, intercettata, avrebbe sollecitato un amministratore giudiziario, Alessandro Scimeca, ad assumere una persona. "Io ti devo chiedere il favore per il prefetto - dice il 28 agosto l'allora presidente delle misure di prevenzione - di quello là... da assumere, devi trovare ". Ma Scimeca resiste. "Io al prefetto l'aiuto pure, ma non con quella mansione, non con quella qualifica... non è proponibile, possiamo trovargli una cosa più modesta".

Dall'inchiesta emergono anche gli stretti rapporti tra le due donne. Il figlio di Saguto, che è uno chef, cucinò per una serata organizzata a Villa Pajno, residenza della Cannizzo. E ancora l'intercettazione imbarazzante, che prova l'uso ben poco istituzionale che della scorta faceva il magistrato, racconta di abiti del prefetto ritirati in tintoria dagli agenti di tutela del magistrato che, passava anche a prendere l'amica per andare al mare ed evitare, grazie alla blindata, il traffico cittadino.
Nei giorni scorsi il M5s aveva chiesto, in un'interrogazione parlamentare, la rimozione della Cannizzo.

Foto: ©ANSA/Mike Palazzotto

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

IL TEMPO DELLE FARFALLE

IL TEMPO DELLE FARFALLE

by Julia Alvarez

...

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...


MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...

MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...


IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...

OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy