Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

8Fotogallery
di Francesca Mondin

Un grande sogno si realizza oggi per Salvatore Borsellino, Il primo laboratorio per i ragazzi della "Casa di Paolo" è stato aperto questo pomeriggio alle 16.00.
Sono già quattordici i bambini e ragazzi iscritti che parteciperanno al progetto culturale e sociale delle Agende Rosse "Paolo Borsellino" di Palermo.
Un'iniziativa su cui Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo, lavorava da tempo. "Oggi l'emozione è grande - ha detto commossa Rosanna Melilli, coordinatrice del Movimento Agende Rosse Paolo Borsellino - il sogno di Salvatore è quello di restituire Paolo alla Kalsa". Il 17 luglio era stata inaugurata al pubblico la struttura, in via Vetreria, la casa dove Paolo, Salvatore e Rita Borsellino vissero la loro giovinezza. La casa è stata ristrutturata e sistemata grazie alle donazioni provenienti da tutta Italia ed ora dopo un anno di lavoro e fatica è finalmente aperta ai giovani del quartiere di Palermo.
Un laboratorio a tutto raggio che va dal lunedì al venerdì dalle 15.30 alle 17.30 e si rivolge ai bambini e ragazzi dalla prima elementare alla terza media. Per il momento partirà il doposcuola ed un recupero scolastico con volontari preparati oltre che attività creative e cineforum. Ma questo è solo l'inizio, in previsione ci sono già laboratori informatici, di lingua inglese, creativi e artistici, nonché culturali. L'idea è quella di coinvolgere tutte le Agende Rosse o i professionisti d'Italia che vogliono mettersi al servizio di questa iniziativa. Lo stesso Salvatore Borsellino vorrebbe insegnare ai ragazzi non solo ad utilizzare il computer ma anche a costruire veri e propri siti e pagine digitali, per offrire loro la possibilità di pubblicizzare un possibile lavoro futuro. L'obiettivo di questo progetto è innanzitutto quello di dare ai ragazzi un'alternativa alla strada fornendo loro gli strumenti per crescere ed esprimersi. La Casa di Paolo nasce anche per far conoscere ai bambini e ragazzi la storia di Paolo Borsellino e altre vittime di mafia, modelli di vita con valori forti e positivi.

FOTOGALLERY © Linda Grasso


E quando la memoria diventa impegno civile e servizio la risposta della cittadinanza non manca, come il 17 luglio all'inaugurazione della casa anche oggi in via Vetriera è accorsa molta gente per l'inaugurazione del primo laboratorio, oltre a tutto il gruppo delle Agende Rosse di Palermo c'erano anche cittadini e abitanti della Kalsa, presente anche l'assessore alla pubblica istruzione Barbara Evola. "Qui siamo veramente ben accolti da tutti, i genitori sono stati tanti - ha infatti spiegato la Melilli entusiasta - per una questione di spazi abbiamo dovuto dire ad alcuni ragazzi che li metteremo in lista se si liberano dei posti. Per noi è un grande successo".

ARTICOLI CORRELATI

Antimafia Duemila riceve la tessera delle Agende Rosse

Benvenuti nella casa di Paolo dove l’antimafia parte dal basso

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy