Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

giudice-vincenzodi Aaron Pettinari - 26 maggio 2015
Vincenzo Giudice (in foto) si ritiene un duro, con lo stesso stampo di Gianni Nicchi. “Io sono come a Gianni” diceva alla moglie Francesca Paola Motisi. E' anche grazie alle intercettazioni ambientali compiute tra il 7 ed il 9 settembre 2012 dei i dialoghi tra i due che gli inquirenti hanno ottenuto importanti riscontri nell'ambito dell'operazione “Verbero” che ha portato oggi all'arresto di 39 persone. E' Vincenzo Giudice infatti a parlare del ruolo di Perrone ed Alessi in seno al mandamento di Pagliarelli. Alla donna svela anche alcuni contrasti a causa delle “decisioni autonome” di Perrone come quella di sostenere economicamente le famiglie di cinque carcerati a lui più vicini, senza coinvolgere gli altri rappresentanti a lui affiancati nella gestione della cassa comune.

Ma i due parlano anche dei propri timori su eventuali nuove collaborazioni con la giustizia. Il motivo di discussione è dato dalla presenza, in data 2 settembre 2012, di un controllo della polizia nei confronti di “belli capelli” Alessi, trattenuto in Commissariato per diverse ore. Ed è in questa occasione che i due fanno alcuni nomi di chi, tra gli associati, potrebbe pentirsi e chi invece non lo farebbe mai. In particolare la Motisi ipotizza che i pentimenti più probabili possano essere quelli dei soggetti che non hanno un pedigree mafioso, che non sono "di famiglia". Tra questi figurerebbe proprio Perrone mentre Alessi, come confermato dal marito, è un soggetto con pedegree mafioso. E' nell'ambito di questo discorso che Giudice si paragona a Nicchi, anche se la moglie teme “che in uno stanzino chiuso” possa nascere “l'inghippo”. “Quello si è pentito... - dice la donna - Brusca... chi se lo sarebbe mai... voglio dire pure cognome”. E il boss replica: “Vitale!”. Ma la donna lo rimprovera “Vitale!... Non si può dire!”.

ARTICOLI CORRELATI

Il triumvirato di Pagliarelli: Alessi, Perrone e Giudice

Decapitato il triunvirato a capo del clan Pagliarelli

Operazione Verbero, Lo Voi: “Chi dice che la mafia è sconfitta si è distratto”

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy