Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

black-flags-from-romedi AMDuemila - 16 aprile 2015
Allearsi con la mafia per conquistare Roma e l’Italia. Sarebbe questa l’istruzione data ai combattenti dell’Isis nell’ultima manovra propagandistica del terrorismo islamico.
Un ebook di 100 pagine “Black Flags from Rome” dove, come scrive il Corriere della sera.it, viene spiegato come conquistare il nostro paese.
Un governo debole ed una mafia forte: è questo il quadro italiano presentato dagli autori dell’ebook che dopo aver esaminato il contesto generale europeo, offerto un resoconto dell’attentato in Francia e dato indicazioni su come costruire una bomba con materiali domestici, spiegherebbero che :“In Italia la mafia ha una forte presenza. La mafia ha le più potenti milizie e trae vantaggio dalla debolezza del governo italiano, inoltre ha accesso al mercato della droga e delle armi”. Un alleato perfetto per poter risalire dalle coste siciliane fino a Roma e procedere poi con la conquista dell’Italia. Stando a quanto riportato dal Corrieredellasera.it il progetto comporterebbe la successiva eliminazione della mafia per avere il controllo totale del paese. Appurato che si tratta di un documento di propaganda, è doveroso sottolineare che è la prima volta che si parla di possibili legami-accordi tra Isis e la criminalità organizzata. E’ utile ricordare che la mafia in passato non si è fatta scrupoli a compiere stragi di civili a stampo terroristico.

Inoltre da mesi la stampa parla della possibilità d’infiltrazioni dei combattenti dell’Isis in Sicilia, sospetto scaturito dalla decisione della Procura di Palermo che ha creato pool antiterroristico formato dai magistrati Leonardo Agueci, Calogero Ferrara, Emanuele Ravaglioli e Sergio Barbiera sotto la direzione del procuratore Franco Lo Voi.