Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

cosentino-nicola-bigdi AMDuemila - 17 settembre 2014
La Cassazione conferma il ripristino della detenzione dell’ex deputato del Pdl Nicola Cosentino. Dalle ultime informative del Ros sarebbe emerso che politici, accompagnati da persone legate alla camorra, hanno frequentato, fino allo scorso 15 aprile, la casa dell’ex coordinatore azzurro della Campania.  E questo indicherebbe, secondo i supremi giudici, che Cosentino è "ancora referente" dei casalesi e di certo non si può dire un "politico bruciato".

Nello specifico "Nell'informativa del Ros, del 15 aprile 2014 – si legge nella sentenza depositata ieri dalla Cassazione- si evidenziava che ad accompagnare l'assessore regionale alle attività produttive della Regione Campania Fulvio Martusciello e a fare da intermediario per l'incontro, era stato tale Giuseppe Fontana, imprenditore attinto da provvedimento di interdittiva antimafia". Fatti che considerato il curriculum da imputato di Cosentino non si può certo sottovalutare, infatti sul politico “grava un'imputazione di concorso esterno in associazione camorristica su cui si è formato, è opportuno ribadirlo, il giudicato cautelare". Di conseguenza "allo stato risulta provato che nel tempo l'imputato ha sviato il suo potere politico in favore di un'organizzazione criminale di riconosciuta estrema pericolosità, che non solo ha imposto con la violenza la propria supremazia nel suo ambito territoriale di operatività, ma ha anche devastato il territorio con l'abusivo smaltimento di rifiuti tossici, con conseguenti effetti negativi sull'economia della zona e la salute di quanti vi abitano". Per questo i giudici avrebbero ritenuto che le circostanze descritte dal Ros dimostrerebbero "l'attualità dei rapporti del Cosentino con ambienti legati alla criminalità organizzata".

Con questa sentenza la Cassazione risponde anche ai legali dell’ex deputato Pdl che avevano rivendicato il diritto del loro assistito a tornare alla vita politica da uomo libero in riferimento anche al nuovo progetto politico “Forza Campania”  capitanato da Nicola Cosentino avviato lo scorso gennaio. A riguardo i giudici scrivono: “Nel momento in cui il Cosentino riprende iniziative politiche non è illogico, nè contraddittorio che il giudice valuti il pericolo di un nuovo sviamento illecito di tale attività". Sottolineando inoltre che “Se è vero che i provvedimenti 'de libertatè favorevoli a Cosentino, in passato sono stati basati sulla circostanza che era oramai un politico 'bruciato', ne consegue che legittimamente l'accertamento della non veridicità di tale circostanza possa essere valutata in modo negativo". Di conseguenza ciò spiegherebbe ulteriormente la necessità che il leader di “Forza Campania” rimanga in carcere.

Queste le motivazioni della Sezione feriale che confermano la custodia in carcere del politico casertano decisa dal Tribunale del riesame di Napoli lo scorso 24 aprile in relazione sia al processo per reimpiego di capitali illecito, e sia per il procedimento per concorso esterno.

ARTICOLI CORRELATI

Camorra, ex parlamentare Cosentino arrestato insieme ai fratelli Zagaria

Addio immunità: in galera Cosentino, domiciliari per Tedesco e De Gregorio

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy