Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

mori-mario-web9Nel 1975 fu improvvisamente allontanato dal Sid
di AMDuemila - 23 luglio 2014
Nuovi spunti sui quali indaga la Procura di Palermo, nello specifico sul ruolo dell'ex generale Mario Mori nel Sid, il vecchio servizio segreto militare, e il suo improvviso allontanamento dall'agenzia. La Procura ha depositato un'enorme quantità di documenti sugli inizi di carriera dell'ex ufficiale del Ros, imputato nel processo sulla trattativa Stato-mafia. Le carte sono state trasmesse anche alla Procura generale che rappresenta l'accusa al processo d'appello in cui Mori è accusato di favoreggiamento aggravato alla mafia per il mancato arresto del boss Provenzano nel '95. In primo grado venne assolto.
Attraverso un lungo e complesso lavoro investigativo, anche all'interno degli archivi dei Servizi, i magistrati hanno accertato che l'ex generale, nel 1973 quando era un giovanissimo carabiniere, venne chiamato al Sid da Federico Marzollo, uomo dell'ex direttore del Servizio Vito Miceli, che sarà in seguito arrestato per cospirazione nell'ambito dell'inchiesta "Rosa dei Venti".

Mori prese parte a funzioni operative anche in riferimento al terrorismo nero, utilizzando nomi di copertura, tra il '73 e il '74. Ma nel 1975, improvvisamente, nonostante le lodi ricevute, l'ufficiale venne allontanato. Poco tempo prima i magistrati di Padova che si occupavano delle indagini sulla Rosa dei Venti, organizzazione segreta paramilitare coinvolta anche nel piano Solo, (il tentato golpe organizzato dal generale De Lorenzo) chiesero al servizio segreto militare una foto segnaletica di Mori. Ora i pm si chiedono le ragioni che spinsero la Procura ad avanzare questa richiesta. Intanto l'inchiesta sulla Rosa dei Venti, a seguito di un conflitto tra i pm, passò alla Procura di Roma che vedeva un collegamento con l'indagine sul golpe Borghese, condotta nella Capitale.
Successivamente, nel 1978, il comando generale chiese al Sid se Mori poteva tornare a lavorare a Roma. La risposta fu che l'ufficiale non poteva fare rientro nella Capitale fino alla celebrazione del processo sul golpe Borghese. Circostanze che i magistrati ritengono sia opportuno chiarire. Nel frattempo hanno già sentito Giovanni Tamburino,  l'ex pm che indagò sulla Rosa dei Venti e che fino al mese scorso era a capo del Dap.

Fonte ANSA

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy