Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

telejato-canale-273di Aaron Pettinari - 27 novembre 2012
E' passato oltre un mese dall'inaugurazione della nuova sede di Telejato. Dopo tanti sacrifici, scongiurato il rischio di chiudere a causa del digitale terrestre, la tv di Partinico prosegue nel proprio processo di "rinvigorimento". La famiglia si è allargata, è nata Telejunior ed ora, dopo Trapani, Palermo Provincia e parte di Messina, i canali saranno visibili anche a Palermo città ed Agrigento sul canale 273.

Un passo importantissimo per Pino Maniaci che da anni continua la propria battaglia d'informazione per denunciare il malaffare in Sicilia. Una nuova conquista ottenuta con anni di impegno e costanza, senza mai arrendersi. Neanche di fronte alle minacce ricevute dai boss e non solo. Gomme tagliate, una macchina bruciata, l'aggressione in strada, le minacce di morte. Pino Maniaci e la sua famiglia si è sempre compattata decidendo di andare avanti, diventando esempio di lotta antimafia per tanti giovani che oggi si siedono a loro fianco partecipando al progetto Telejunior. "Finalmente raccogliamo i frutti del duro lavoro svolto, sempre a testa alta ed in trincea contro la prevaricazione, la malavita organizzata ed i poteri forti. La tv sarà visibile in moltissimi Comuni della Sicilia occidentale in provincia di Palermo, Trapani, Agrigento e parte di Messina. La speranza è che da qui a qualche mese la nostra emittente possa davvero divenire regionale grazie ad altri amici che ci permetteranno di trasmettere nei loro canali. Cosa significa per noi arrivare a Palermo? E' un passo sicuramente importante. Quello che noi vogliamo portare non è niente di diverso da quel che abbiamo sempre fatto. Daremo notizie, anche quelle scomode, senza essere politicizzati o asservendo qualcuno. Parleremo ad esempio di quanto sta accadendo alla Catturandi di Palermo dove nei giorni scorsi è stato diffuso un comunicato in cui si denuncia lo smantellamento e di cui nessuno ha dato notizia. Detto questo vogliamo fortemente ringraziare tutti gli amici, in particolar modo i tecnici e le altre realtà televisive che ci danno una mano - sottolinea il Direttore - la gente libera e sincera ci conferisce la quotidiana speranza per andare avanti. Continueremo a crescere con l'entusiasmo e la passione che ci contraddistingue da sempre".

ARTICOLI CORRELATI
- Telejato e Telejunior, le tv senza paura più forti delle minacce

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy