Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Le fiamme non fermeranno il riscatto della legalità anche perché non si deve cedere alle eventuali intimidazioni di quanti credono con la violenza di seminare paura.”
di Lara Borsoi - 11 giugno 2012
Mesagne (Brindisi). Ieri un incendio doloso ha distrutto sette ettari di grano in Contrada Canali. I terreni erano stati confiscati ai boss della Sacra Corona Unita e da tempo erano stati affidati alla cooperativa “Terre di Puglia Libera Terra”. I giovani dell'associazione hanno sporto denuncia contro ignoti presso gli uffici dei Carabinieri. Da una veloce stima dei danni si contano più di 200 quintali di grandi andati in fumo.

Non è la prima volta che i ragazzi di Libera, uniti nel recuperare e far fruttare nella legalità i beni confiscati in tutta Italia, subiscono atti di questa gravità. La settimana scorsa, ad esempio, a Belpasso alla cooperativa “Beppe Montana Libera Terra” sono stati dati alle fiamme 2000 aranci e 100 ulivi.
Gesti estremi che indicano però come il riutilizzo sociale dei beni è l'arma giusta nella lotta alle criminalità organizzate.
In una nota l'Associazione Libera ha fatto sapere che: "in attesa dei riscontri necessari e osservando il doveroso riserbo per il lavoro delle forze dell'ordine e ringraziando l' impegno delle istituzioni ribadiamo con forza e determinazione che le fiamme in Puglia come quelle in Sicilia insieme alle altre forme di intimidazioni subite negli ultimi giorni non fermeranno la scelta e l'impegno del nostro percorso di restituzione alla collettività di quanto le mafie hanno sottratto con la violenza e la minaccia". Quindi ha aggiunto: "Il nostro impegno per la legalità e la giustizia non subirà alcun cedimento e queste intimidazione sono la riprova del positivo che in quella terra come nel resto del paese stiamo cercando di costruire anche grazie alla preziosa opera di magistratura e forze dell'ordine, dell'associazionismo, del mondo cattolico e di molte amministrazioni attente. A Mesagne da tempo è stata seminata la speranza e il raccolto continuerà a essere fruttuoso. Da tempo in questo territorio sono ben radicati gli anticorpi sociali pronti a rispondere sempre con attenzione e corresponsabilità a qualsiasi atto intimidatorio. Coltivare e produrre sui terreni confiscati ai mafiosi e creare lavoro libero dalle mafie rappresenta il più grande schiaffo alla criminalità organizzata e a chi la copre". "Noi continueremo in quel territorio- ha concluso nella nota Libera - a coltivare la speranza, la freschezza di prospettive fondata su lavoro vero, tenace e concreto.”

Da tutta la redazione di AntimafiaDuemila l'abbraccio e la solidarietà ai ragazzi della cooperativa “Terre di Puglia Libera Terra” e all'associazione fondata da Don Ciotti “Libera” nell'auspicio che su questi inquietanti episodi si faccia al più presto chiarezza.

 

Le recensioni di AntimafiaDuemila

NARCOS CARIOCA

NARCOS CARIOCA

by Mattia Fossati

...


LA CASA DI PAOLO

LA CASA DI PAOLO

by Marco Lillo, Sara Loffredi

...

DOSSIER BOLOGNA

DOSSIER BOLOGNA

by Antonella Beccaria

...


U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...

A UN PASSO DA PROVENZANO

A UN PASSO DA PROVENZANO

by Giampiero Calapà

...


LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

LA MAFIA CHE HO CONOSCIUTO

by Alfredo Galasso

...

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

HO UCCISO GIOVANNI FALCONE

by Saverio Lodato

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy