L’intervento del magistrato all’evento "Primavera di legalità"

"L'attenzione dev'essere massima perché una volta che la mafia si è insediata, sradicarla è estremamente difficile".

È stato questo il monito che il procuratore generale presso la Corte d'appello di Ancona Roberto Rossi ha lanciato dal chiostro francescano di Mondavio, durante un incontro organizzato dall'Associazione nazionale magistrati e dalla rassegna “Primavera di legalità”.

La Regione Marche si trova ad oggi a essere un territorio profondamente compromesso dalle infiltrazioni criminali nel tessuto economico.

La criminalità organizzata è come una “multinazionale che non conosce confini - ha detto il procuratore Rossi -. Ogni anno ci sono segnali della presenza mafiosa nel nostro territorio: inchieste, processi. Non bisogna abbassare la guardia”.
A Mondavio l'occasione anche per ricordare chi la mafia l'ha combattuta, il magistrato Giovanni Falcone, ucciso 32 anni fa insieme alla moglie e a tre agenti della scorta.

Fonte: rainews.it

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos