Letta in aula missiva del governatore: “Opposizioni tentano spallata politica che non riuscirà”. Garibaldi (Pd): “Dimissioni atto necessario”

Non è passata la mozione di sfiducia nei confronti di Giovanni Toti, il presidente della Regione Liguria ai domiciliari dal 7 maggio scorso perché accusato dei reati di corruzione e voto di scambio.
La mozione presentata dalle opposizioni è stata respinta con 11 voti a favore e 18 contrari. A firmare e votare il documento tutti i gruppi di minoranza in Consiglio regionale (Pd, Lista Sansa, M5s e Linea Condivisa) tranne Azione, rappresentata dall’ex renziano del Pd Sergio Rossetti, che non lo ha sottoscritto e ha chiesto congedo dall’assemblea per “motivi personali”. Il no, invece, è arrivato dalla maggioranza compatta. All’inizio della seduta il capogruppo della lista Toti, Alessandro Bozzano, che ha fatto le veci del governatore, ha letto una lettera scritta da Toti e consegnata all’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone, che sabato ha potuto incontrarlo su autorizzazione della Procura: “Con una miopia politica con rari precedenti, oggi, con questa mozione di sfiducia, le opposizioni tentano una spallata politica che non solo non riuscirà nei numeri, ma conferma, se mai ce ne fosse stato bisogno, tutta la propria inadeguatezza a guidare questa Regione”, ha esordito il presidente arrestato. “Dopo un decennio di costanti sconfitte, politiche ed elettorali, la stessa classe dirigente della sinistra che ha saputo deludere i cittadini più di ogni altra, in una Regione dove fortissime erano le sue tradizioni, oggi intravede, grazie a una inchiesta della magistratura, la possibilità di recuperare un po’ del terreno perduto. E lo fa sfruttando l’eco di un’inchiesta che al momento è solo tale, senza rinvii a giudizio e tanto meno condanne”, sottolinea.
Nella vostra mozione non c’è nulla di politico, anzi, c’è il contrario”, attacca Toti nella sua lettera. “C’è una politica che anziché difendere le proprie prerogative, autonome e parallele a quelle degli altri poteri dello Stato, se ne fa megafono o ruota di scorta, nella speranza di raccogliere qualche briciola. Che delusione, per gli eredi di una tradizione che della centralità della politica aveva fatto la propria stella polare, ritrovarsi oggi a balbettare e ripetere quanto letto sui giornali circa un’inchiesta ancora tutta da verificare. Ci saremmo aspettati, anche da parte vostra, un’orgogliosa volontà di portare avanti un mandato popolare che pure anche voi, per sedere qui, avete ricevuto. Ha purtroppo prevalso la volontà di screditare il vostro ruolo e quello del Consiglio di cui fate parte, chiamato da voi a un dibattito pregiudiziale che anticipa le stesse rilevanze istruttorie. Avete deciso di continuare sulla strada di una politica con la “p” minuscola, subalterna, pur di approfittare di questo presunto momento di debolezza, cercando di raggiungere un obiettivo che non ritenete raggiungibile con le vostre capacità e la vostra credibilità”, polemizza il governatore. Fino alla conclusione: “Voi volete distruggere il modello Liguria che in questi anni, con la orgogliosa reazione al crollo del Morandi, è stato costruito. Anzi, volete che qualcos’altro lo distrugga per voi, mentre voi fate il tifo dagli spalti, senza neppure il coraggio di scendere in campo”.
Dopo la lettura della missiva del governatore il primo a parlare nel dibattito è stato il capogruppo del Pd Luca Garibaldi: “Le dimissioni di Toti sono un atto necessario, l’inchiesta ha dimostrato il fallimento politico e gestionale di cui il centrodestra è protagonista, una degenerazione politica e di etica pubblica che ha espropriato la democrazia”, ha attaccato. Poi è intervenuto Ferruccio Sansa, capogruppo dell’omonima lista e candidato governatore del centrosinistra alle ultime regionali: “Toti ha costruito un sistema di potere malato. Un potere in cui le istituzioni sono state distorte per fare gli interessi di pochi e non di tutti. Un potere che tradiva il senso della politica che invece di pensare al benessere di tutti pensava alla propria sorte. Oggi in aula non ci siamo solo noi consiglieri, tutti i liguri dovranno decidere da che parte stare”. “A causa del centrodestra la Liguria versa in una situazione imbarazzante e grave provocando un danno d’immagine alla nostra amata Regione”, ha invece attaccato Fabio Tosi del M5s. Che poi si è rivolto alla giunta: “Fate un favore alla Liguria. Dimettetevi. Fate un favore a voi stessi: chiedete ai cittadini se vi vogliono ancora lì per un altro mandato, alla guida dell’ente. Magari sì. Ma mettetevi in gioco e dimostrate di non temere le urne“. Per Gianni Pastorino, della gruppo di sinistra Linea Condivisa, “la mozione di sfiducia non è una mancanza di garantismo, ma piuttosto un atto necessario di responsabilità verso le istituzioni e verso le cittadine e i cittadini. Il presidente è coinvolto in vicende giudiziarie che ne impediscono l’efficace guida amministrativa e politica”.
Parlando alla stampa, il presidente facente funzioni Alessandro Piana (Lega) ha però allontanato l’ipotesi di dimissioni del governo regionale: “Abbiamo tutti i requisiti e le carte in regola per rimanere fino a fine mandato (nel 2025, ndr) salvo un’indicazione diversa da parte del presidente Toti. Nonostante il clima creato da alcuni operatori della comunicazione pronti a una condanna mediatica preventiva, tramite linciaggio morale e politico, Regione Liguria ha dimostrato di saper proseguire la sua attività e quella degli enti coinvolti senza alcuna sosta. Non vorremmo che oggi la minoranza sfruttasse le indagini per poter fare un colpo di mano e andare subito al voto”, ha attaccato.
Nel frattempo, ieri, all’entrata del Consiglio regionale, come già nelle scorse sedute, si sono radunate alcune decine di manifestanti dell’associazione “Genova che osa” che hanno mostrato cartelli contro la corruzione in politica contestando l’arrivo degli eletti di centrodestra.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Corruzione: arrestato ai domiciliari il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti

Inchiesta ligure: tutti gli indagati e i capi d'accusa

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos