Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Davanti al gup del Tribunale di Bari Rossana De Cristofaro è iniziato, con le richieste di costituzione di parte civile dei Comuni di Bari e Terlizzi e dell'associazione Antiracket, il processo con rito abbreviato chiamato “Pandora” che si celebra ai danni di 90 presunti affiliati ai Clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari. Gli imputati sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale. Tra questi che hanno scelto il rito abbreviato ci sono i boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede e Domenico Conte, insieme a loro altre dieci persone sono a processo per gli stessi reati con il rito ordinario in Tribunale a Bari. Le indagini dei Carabinieri del Ros hanno documentato a carico dei 100 imputati un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei due clan, federati tra loro nell'intera regione, da Bitonto a San Severo, passando per Altamura, Gravina, Valenzano, Triggiano e il Nord Barese, accertando anche collegamenti con le altre organizzazioni criminali pugliesi, oltre a rapporti commerciali (per l'approvvigionamento della droga) con 'Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra. La prossima udienza, nell'aula bunker di Trani, si terrà il 22 maggio.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy