Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

gdf goadi Antonio Nicola Pezzuto - 17 febbraio 2014
La sostanza stupefacente era nascosta in un tir. Il Tacco d’Italia si conferma crocevia e snodo cruciale per il traffico di droga
I Finanzieri del Goa (il Gruppo Operativo Antidroga) del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce, diretti dal Tenente Colonnello Nicola De Santis, hanno sequestrato sei chili di cocaina per un valore di tre milioni di euro.

La sostanza stupefacente era nascosta all’interno di un tir in sosta nella zona del porto di Brindisi. L’automezzo reca una targa albanese, mentre il rimorchio risulta immatricolato in Olanda. Ad attirare l’attenzione dei militari è stato il comportamento dell’autotrasportatore, un albanese di 23 anni, per il quale sono scattate le manette. L’uomo, infatti , aveva dimostrato grande interesse per i movimenti dei Finanzieri che si sono subito insospettiti.
Sono scattati i controlli e l’eccessiva agitazione del conducente ha indotto gli investigatori a compiere controlli approfonditi. Così, sul lato sinistro del rimorchio, è stata individuata una batteria che mostrava chiari segni di manomissione. Al suo interno, avvolti in sacchetti di plastica, sono stati trovati quattro pani di cocaina, per un peso complessivo di 4,2 chilogrammi.
I Finanzieri, dopo aver avvisato la Procura di Brindisi, hanno trasferito l’autoarticolato che trasportava un piccolo escavatore per lavori edili ed alcune gomme esauste, a Lecce, nell’area dell’ex Foro Boario. Qui, grazie all’intervento di due unità cinofile antidroga, sono stati rinvenuti altri due panetti di cocaina per 1,8 chili. Lo stupefacente era stato nascosto nel doppio fondo ricavato all’interno di un pannello di isolamento della cabina di guida.
La cocaina, purissima, opportunamente tagliata, ha, come detto, un valore di tre milioni di euro.
Il carico illecito è stato sequestrato insieme ad alcuni telefoni cellulari e a tutti i documenti che erano a bordo del mezzo mentre il giovane conducente è stato arrestato.
Le indagini dovranno appurare mittenti e destinatari del carico di droga.
Un dato di fatto pare, in ogni caso, ormai inconfutabile: il Salento, come dimostrano le varie operazioni portate a termine dalle forze di polizia, si conferma crocevia e snodo cruciale per il traffico di sostanze stupefacenti.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy