Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

martello-web11Fine pena mai per il fratello Rosario e suo cugino
di Antonio Nicola Pezzuto - 20 luglio 2013
È arrivata, molto attesa, la sentenza del processo Padovano. La Corte d’Assise di Lecce, dopo quattro ore di camera di consiglio, ha deciso di condannare all’ergastolo Rosario Padovano, fratello della vittima e suo cugino, Giorgio Pianoforte. I due, secondo i giudici, sono i mandanti dell’omicidio di Salvatore Padovano, alias “Nino Bomba”, avvenuto a Gallipoli il 6 settembre 2008.

Rosario Padovano dovrà stare in isolamento diurno per un anno. È stato condannato anche per l’uccisione di Carmine Greco avvenuta nel 1991. Per questo crimine sarà costretto a pagare pure una sanzione pecuniaria di 50mila euro, più le spese legali, alla moglie di Greco, Rosa Salerno, costituitasi parte civile.
Undici anni e otto mesi sono stati inflitti a Fabio Della Ducata, assolto dall’ accusa di concorso in omicidio “per non aver commesso il fatto”, Massimiliano Scialpi e Mino Cavalera.
Cinque anni e nove mesi, invece, per Giuseppe Barba, diventato nel frattempo collaboratore di giustizia.
Ha tenuto, quindi, l’accusa sostenuta dal Sostituto Procuratore Elsa Valeria Mignone.
Il magistrato, nella sua lunga e articolata requisitoria, aveva spiegato che l’esecuzione era maturata in seguito ai contrasti sorti tra i due fratelli in merito alla gestione dei traffici illegali.
Quindi, sarebbe stato Rosario Padovano a volere eliminare suo fratello Salvatore, alias “Nino Bomba”. Lo stesso Rosario, all’ epoca dei fatti, finse un grande dolore per la perdita del fratello. In realtà, stando alla ricostruzione fatta dall’accusa, fu il mandante dell’ omicidio avvenuto per mano del killer siciliano Carmelo Mendolia, ora collaboratore di giustizia e già condannato a 14 anni.
All’agguato avrebbe partecipato attivamente anche Giorgio Pianoforte, cugino dei Padovano, che avrebbe attirato con una scusa la vittima fuori dalla pescheria “dicendogli che una persona gli aveva tamponato la macchina”.
Fabio Della Ducata, invece, avrebbe ospitato nella sua casa Mendolia e gli avrebbe consegnato, pochi giorni dopo l’omicidio (a Casamassima, in provincia di Bari), una parte dei 10mila euro di compenso pattuito, pari a 6770 euro. Lo scooter per raggiungere il luogo del delitto sarebbe stato fornito al sicario da Bianco.
Il Pubblico Ministero Elsa Valeria Mignone ha ricostruito gli scenari che hanno portato all’omicidio e i contrasti sorti tra i due fratelli in seguito alla loro scarcerazione.
Rosario, una volta fuori dal carcere di Spoleto, nel settembre 2007, avrebbe cercato di conquistare la leadership del clan e di ricostruire i rapporti con gli affiliati di “Gallipoli vecchia”, tra cui Massimiliano Scialpi, Giuseppe Barba, Cosimo Cavalera e Fabio Della Ducata. Il tutto, in netto contrasto con le strategie di suo fratello Salvatore scarcerato nel dicembre 2006. Quest’ultimo, infatti, aveva ripreso ad assumere comportamenti da capo mafia, dispensando consigli e suggerimenti per dirimere contrasti e controversie. Inoltre, aveva preso le distanze proprio da quei personaggi della “Gallipoli vecchia” perché considerati di scarso spessore criminale e fossilizzati su vecchi schemi consortili e privilegiato e rinsaldato i rapporti con il clan Tornese di Monteroni.
Due strategie diverse ed opposte che hanno fatto entrare in conflitto i due Padovano.
Rosario non avrebbe accettato di essere subalterno a Salvatore, si sarebbe sentito limitato nelle sue aspirazioni e preoccupato dall’ attenzione che le forze di polizia stavano dimostrando al territorio gallipolino richiamate dai comportamenti spavaldi e prepotenti del fratello.
Il presunto mandante ha fornito una spiegazione diversa sul movente dell’omicidio. Infatti, ha affermato di aver organizzato l’esecuzione mortale perché il fratello infastidiva l’anziana madre. Ma la Procura, in questi anni, ha accumulato tutta una serie di elementi che portano in ben altra direzione.
Prossima puntata, il processo d’ Appello.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy