Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

carabinieri-rosdi Antonio Nicola Pezzuto - 22 aprile 2013
I carabinieri del Ros di Lecce, agli ordini del colonnello Paolo Vincenzoni e del capitano Marco Ancora, hanno apposto i sigilli al teatro comunale “Garibaldi” di Gallipoli. Gli uomini del Raggruppamento Operativo Speciale hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip Carlo Cazzella su richiesta del Sostituto Procuratore Elsa Valeria Mignone.
L’ immobile è abitato, attualmente,  da Palmira Pianoforte, moglie di Luigi Padovano alias “Gino l’ Americano” e madre di Rosario detenuto in carcere con l’ accusa di essere stato il mandante dell’ omicidio del fratello Salvatore. La madre dei boss risulta indagata per “invasione di edificio pubblico mediante occupazione abusiva di locali non destinati ad abitazione”.

La famiglia Padovano ha occupato abusivamente un appartamento al primo piano del teatro sin dal lontano 1972. Una situazione che si è protratta fino al 2012, quando il commissario prefettizio Vincenzo Petrucci emise un’ ordinanza di sfratto contro la quale Palmira Pianoforte fece ricorso al Tar, ottenendo la sospensione del provvedimento. Il Tribunale Amministrativo Regionale aveva motivato la sua sentenza affermando che “se anche l’ alloggio in questione avesse avuto in origine una destinazione pubblicistica, risulta evidente che esso ha perduto di fatto tale vocazione originaria, essendo stato utilizzato per quasi quarant’anni come abitazione privata dalla ricorrente e dalla sua famiglia”.
Ma l’ attività della Procura è andata avanti e, con il decreto di sequestro, ha ristabilito la legalità.
Una situazione tollerata per quarant’ anni da un’ intera comunità ma, soprattutto, dalle varie amministrazioni che si sono succedute nella città bella. E per questo, ad oggi, risultano indagati l’ ex sindaco Giuseppe Venneri e l’ ex segretario generale Guido De Magistris. Su entrambi grava l’ accusa di “concorso in rifiuto di atti d’ ufficio”, per non aver emesso alcuna ordinanza di sgombero, pur essendo consapevoli del danno erariale che l’ occupazione stava arrecando al Comune.
Un atteggiamento che, secondo la Procura, è la conseguenza del fatto che i Padovano facessero parte di un’ associazione di stampo mafioso.
Il teatro dovrà essere sgomberato entro il prossimo 15 maggio.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy