Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

guardia-di-finanza-web0Arrestato lo scafista ma i tre complici riescono a fuggire
di Antonio Nicola Pezzuto - 28 dicembre 2012
Maxi sequestro di droga compiuto dalla Guardia di Finanza proprio la sera della vigilia di Natale. Intorno alle 21 di lunedì, infatti, i finanzieri hanno individuato, a circa 12 miglia dalla costa, un gommone lungo sette metri e mezzo con due motori fuoribordo da 250 cavalli che, a luci spente, viaggiava in direzione dell’ oasi protetta delle Cesine.

I militari hanno subito richiesto l’ intervento di un Atr 42 del gruppo aeronavale di Taranto che, giunto sul posto, ha monitorato, dall’ alto, tutte le fasi dello sbarco e dello scarico della marijuana, fornendo importanti suggerimenti ai colleghi che si trovavano in mare e in terra.
Lo scafista, dopo aver scaricato la marijuana, ha tentato la fuga via mare. Ad impedirgliela, i mezzi aeronavali della Guardia di Finanza di Otranto e Brindisi che hanno anche esploso alcuni colpi di pistola a scopo intimidatorio. Il conducente del gommone, l’ albanese Petraq Selamai, 35 anni di Berat, è stato costretto ad invertire la rotta e, una volta raggiunta la terraferma, è stato arrestato per traffico internazionale di stupefacenti.
Nel frattempo, gli altri tre trafficanti, sono riusciti ad eludere i controlli dei finanzieri e, dopo aver caricato la droga su un furgone Transit, sono riusciti ad imboccare la Statale 16 in direzione di Brindisi e Bari.
Ne è scaturito un inseguimento che si è concluso nei pressi di Monopoli quando i tre si sono scaraventati dal mezzo in corsa. Nonostante i militari abbiano cercato di fermarli sparando alcuni colpi di pistola in aria, i corrieri si sono dileguati nelle campagne circostanti.
I finanzieri si sono subito prodigati per rimuovere il mezzo fermo sulla carreggiata che costituiva un serio pericolo per l’ incolumità degli automobilisti di passaggio. Il furgone, che non è risultato essere rubato, è stato sottoposto a sequestro insieme alla sostanza stupefacente contenuta al suo interno: sedici borsoni in tutto, per un totale di 415 chilogrammi di marijuana.
“Il quantitativo sequestrato – ha affermato il comandante del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce, colonnello Vito Pulieri – considerate le quotazioni di mercato della marijuana, che viene venduta a circa 5-6 euro al grammo, avrebbe potuto fruttare circa due milioni di euro”.
L’ operazione è durata oltre quattro ore e continua con le indagini per catturare i corrieri che sono riusciti a fuggire e, soprattutto, per cercare di individuare i complici ai quali doveva essere consegnata la droga per essere venduta sul mercato del Barese.
Le operazioni aeronavali sono state coordinate dal tenente colonnello Rocco Savino, dal tenente Vincenzo Capone e dal colonnello Vito Pulieri.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy