Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Un viaggio che tocca Campania, Sicilia, Puglia e si spinge fino in Albania, ricostruendo la storia dei boss e dei clan più feroci, svelando le nuove gerarchie delle organizzazioni criminali che hanno deciso di fare la guerra allo Stato: arriva dal 24 settembre sul Nove la serie "Mafia Connection", quattro docu-inchieste condotte dal giornalista Nello Trocchia. Con un taglio che avvicina l'accuratezza dell'inchiesta giornalistica a un linguaggio quasi cinematografico, ideata da Carmen Vogani e prodotta da Giulia Cerulli per Videa Next Station, la serie prosegue idealmente il cammino di Trocchia attraverso il racconto delle organizzazioni criminali meno note ma più pericolose, iniziato con i due documentari sui Casamonica, realizzati sempre per Nove. Oggi i riflettori si accendono sui fenomeni mafiosi che soggiogano il nostro Paese e non solo: dai narcos albanesi, broker spietati votati ai soldi e al sangue, alla famiglia Moccia, ricchi imprenditori e potenti camorristi, passando per la galassia di clan che nella provincia di Foggia agisce con la strategia del terrore, fino al padrino di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, latitante da quasi trent'anni. Si parte domani con 'I narcos albanesi': businessmen insospettabili e killer spietati, sono i competitor della 'ndrangheta nel mercato della cocaina e i principali rifornitori di marijuana in tutta Europa. Per fare il salto di qualità definitivo, poi, hanno puntato dritto alla terra promessa di tutti i narcotrafficanti: il Sud America. Narcotraffico, omicidi e una ricchezza che ostentano senza scrupoli. Ma quali sono le ragioni che hanno portato a questa ascesa? E soprattutto si può parlare di vera Mafia albanese?

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy