Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il comizio di 'Italia Sovrana e Popolare' a Roma

Le sanzioni alla Russia, la crisi politica italiana, le ingerenze delle forze sovranazionali di matrice atlantista e finanziaria. Sono stati questi alcuni dei temi trattati durante il comizio di Italia Sovrana e Popolare ieri in piazza Santi Apostoli (Roma).
Ad intervenire sono stati Francesco Toscano, Marco Rizzo, Antonio Ingroia, Giorgio Bianchi, Fulvio Grimaldi, Daniele Giovanardi, Andrea Zhok, Igor Camilli, Stefano D'Andrea e Antonello Cresti.
Antonio Ingroia
ha ribadito ancora una volta che queste elezioni politiche sono una grande occasione per “spazzare via questo sistema e questo regime” e che la pratica dell'astensionismo andrebbe a favore di quelle potenze straniere che hanno reso l'Italia "una colonia".
"Noi dobbiamo portare questa maggioranza degli italiani a conoscere il nostro programma e quindi a votare l'Italia Sovrana e popolare" ha ribadito Ingroia, ricordando che il "51% degli italiani è contrario alle sanzioni contro la Russia".
Poi a prendere parola è stato il segretario generale del partito Comunista Marco Rizzo: "Il nostro Paese sta vivendo la crisi più drammatica dal punto di vista economico e sociale", ha detto.
Dobbiamo creare una "vera proposta diplomatica per la pace per una guerra che dura dal 2014 e che si sta trasformando nella terza guerra mondiale". Infine è stata la volta di Francesco Toscano il quale ha ribadito che occorre "impedire la tragedia che oggi è sotto gli occhi di tutti”.

ARTICOLI CORRELATI

Elezioni politiche 2022: presentato al Senato il partito 'Italia Sovrana e Popolare'

Ingroia si candida alle elezioni politiche

Nino Di Matteo in Commissione antimafia: ''Ecco tutta la verità''
Di Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari

Nella legge Cartabia norma contro i magistrati del Csm, intervenga la Corte Costituzionale

Di Matteo: ''Il sogno di Falcone è stato deluso, tradito e ingannato''
Di Giorgio Bongiovanni e Luca Grossi

L'Ue ammonisce la ministra Cartabia, bocciata la riforma della giustizia
Di Giorgio Bongiovanni

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy