Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Fino alle due di stanotte non sapevo per chi avrei votato e neanche se avrei votato. Poiché non voglio rinunciare ad esprimere il mio voto, nessuno dovrebbe farlo, probabilmente avrei finito per dare il mio voto alla lista per cui ho fatto un appello per raccogliere le firme necessarie per potere partecipare alla competizione elettorale e soltanto perché in quella lista sono presenti persone di cui ho stima ma non sapevo niente di altre liste che fanno parte di quella coalizione e la mia scelta sarebbe stata quindi una scelta sofferta, Alle due di questa notte ho letto per la prima volta il rilancio di agenzia che dava notizia della candidatura di Roberto Scarpinato e la mia unica paura è stata a quel punto di svegliarmi stamattina e rendermi conto che si trattava soltanto di un sogno". Così ha scritto il 16 agosto sul suo profilo Facebook Salvatore Borsellino, fratello di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso dalla mafia nel 1992 nella strage di via D'Amelio, a Palermo. "La candidatura di Roberto Scarpinato per me, e spero non soltanto per me, cambia tutto - aggiunge -. E' una scelta estremamente coraggiosa, come quella che lo portò a leggere il 19 luglio di qualche anno fa, in Via D'Amelio, quella lettera 'Caro Paolo...' che stava per costargli la nomina a Procuratore Generale a Palermo. Partecipare ad una competizione elettorale gli porterà altri nemici, oltre ai tanti che già ha, perché questo è quello che succede in un Paese dove più che i seguaci di un partito esistono i tifosi di un partito. Io stesso, se non ho alcun dubbio sulla sua persona sarò, costretto ad esprimere il mio voto anche per un partito, che da quando è diventato tale dopo essere stato un Movimento, è stato una delle più grande delusioni della mia vita. Se potessi scriverei sulla scheda soltanto 'Roberto Scarpinato' e non contrassegnerei alcuna lista ma sarebbe purtroppo un voto nullo e io non voglio rinunciare a fare la mia seppur piccola parte per avere in parlamento un uomo che possa rappresentare la mia speranza di Giustizia e Verità e possa difendere i principi di quella Costituzione che dai risultati di questa elezione potrebbero essere messi seriamente in pericolo".

Fonte: facebook.com

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Coerenze ed Incoerenze

Elezioni 2022: contro la “clanizzazione” della politica si candida Roberto Scarpinato

Luca Tescaroli: ''Con mafia e terrorismo non si può mai negoziare''

Sebastiano Ardita: ''Inaccettabile che lo Stato coabiti con la mafia''

Elezioni 2022: ecco gli impresentabili nelle liste

Ingroia si candida alle elezioni politiche

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy