Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

I giudici: L'ex senatore "non è perseguitato. Se ha prove denunci nelle sedi competenti anziché strombazzarlo a parlamentari e media"

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha rigettato il ricorso dei difensori dell'ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli, imputato nell'ambito del maxi processo 'Rinascita Scott' contro la cosca Mancuso, istruito dalla Dda di Catanzaro che lo accusa di concorso esterno con la ‘Ndrangheta. Nello specifico i legali dell'ex massone avevano chiesto la revoca dei domiciliari, disposti dal Tribunale di Vibo Valentia, dopo che la Cassazione aveva stabilito la sua uscita dal carcere.
I giudici del Riesame, come riportato da Lucio Musolino sul 'Fatto Quotidiano' hanno stabilito che Pittelli non è "solo, e non tanto, un professionista cui affidare le strategie difensive, ma un consigliore, un soggetto introdotto ampiamente in ambienti irraggiungibili dalla cosca”.
L'ex forzista, si legge, sarebbe “intervenuto in sostegno dei componenti della cosca fortemente preoccupati dalle dichiarazioni rese dal Mantella (pentito, ndr), non ancora discoverate”. Per i giudici, “è questa la modalità tipica di concorrente esterno di Giancarlo Pittelli”, definito “uomo capace di accedere nelle istituzioni per ivi attingere elementi conoscitivi utili alla cosca”. In altre parole, per i clan vibonesi Pittelli sarebbe stato un “uomo di riferimento”.
I giudici del Riesame hanno anche ripreso l'episodio in cui l'ex senatore avrebbe scritto una lettera al ministro Carfagna dicendole di "essere perseguitato”, e chiedendo aiuto non a difendersi “nel processo” ma dal processo, operazione né garantita, né consentita nello stato di diritto”. “Pittelli non è perseguitato da chicchessia e se mai abbia la prova del contrario lo denunci nelle sedi competenti anziché strombazzarlo a parlamentari e media”. Il riferimento, si legge sempre sul 'Fatto' è all’intervista che l’ex senatore aveva fatto a Mediaset dai domiciliari: “Nessun altro detenuto avrebbe ricevuto giornalisti come ha fatto il Pittelli per rivendicare con l’opinione pubblica anziché con i giudici la sua innocenza. Tali condotte confermano il permanere di una pericolosità che consente un giudizio prognostico sfavorevole sia in punto di reiterazione di condotte illecite sia soprattutto per l’intento palese di trasformare il processo in un luogo di scontro tra poteri dello Stato”.

Fonte: ilfattoquotidiano.it

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Rinascita Scott: l'ex parlamentare Giancarlo Pittelli può restare ai domiciliari

Giancarlo Pittelli chiede aiuto alla ministra Carfagna. Torna in carcere dopo un mese

'Ndrangheta: il Riesame accoglie la richiesta della Dda, Pittelli deve tornare in carcere

Il caso Pittelli usato per delegittimare Gratteri e la procura di Catanzaro

La Dda di Catanzaro chiede la riapplicazione della custodia cautelare per Pittelli

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy