Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'indagine denominata 'Start' è, in assoluto e in campo nazionale, la prima operazione dell'Arma dei carabinieri coordinata dall'Ufficio della Procura europea. Secondo l'accusa i pubblici ufficiali coinvolti sarebbero stati in grado di appropriarsi di una parte delle somme di denaro destinate all'esecuzione di lavori in realtà fatti solo sulla carta. Abusando delle loro funzioni nei singoli procedimenti in carico allo Iacp (Istituto Autonomo Case Popolari) avrebbero indotto alcuni imprenditori a non eseguire parte dei lavori di manutenzione per trarne un ingiusto profitto. Si sarebbe così creato "un sistema 'concussivo ambientale'", finalizzato a ottenere vantaggi patrimoniali indebiti in danno del buon esito di progetti di edilizia pubblica cofinanziati dall'Unione europea.
Nello specifico i Carabinieri di Palermo hanno posto agli arresti domiciliari l'architetto Mario Palumbo, il direttore dei lavori del cantiere, Rosario Zummo, responsabile dell'area tecnica ed amministrativa del patrimonio dello Iacp e anche responsabile unico del procedimento per la manutenzione degli immobili dell'istituto e il geometra Roberto Federico. Per gli investigatori i lavori di ristrutturazione delle case popolari dello Zen 2, realizzati grazie ai fondi europei, a Palermo erano eseguiti solo sulla carta, e parte dei fondi europei sarebbero finiti nelle tasche dei dirigenti dello Iacp.
Il provvedimento è stato emesso dal gip del capoluogo siciliano al termine di un'indagine coordinata dai procuratori europei delegati Calogero Ferrara e Amelia Luise dell'European Public Prosecutor's Office di Palermo.

ARTICOLI CORRELATI

Colpito clan della Noce a Palermo. Boss di Cosa Nostra scarcerati tornati al comando

Sebastiano Ardita: mafie 'Al di sopra della legge' nelle carceri senza Stato

Il vertice del Dap a Carlo Renoldi, magistrato contro ''l'antimafia militante''
Di Giorgio Bongiovanni

Ardita in Comm. Antimafia: “Il testo di legge proposto abbatterà l’ergastolo ostativo”
Di Giorgio Bongiovanni

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy