Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Fateci Spazio” è lo slogan che campeggia negli adesivi con i quali le giovani adolescenti del Borgo Vecchio, quartiere popolare di Palermo, stanno tappezzando la città per denunciare la mancanza di spazi di prossimità utili alla loro crescita personale

Sono soprattutto le giovani donne e le adolescenti del Borgo Vecchio a pagare il prezzo più alto di una disattenzione istituzionale che si esprime attraverso la mancanza di spazi destinati all'incontro, al supporto, allo studio e alla formazione.

Luoghi che in effetti fisicamente ci sarebbero, ma che sono il risultato di un abbandono e del degrado al quale l’incuria e l’indifferenza li ha condannati. Esempi emblematici di una situazione n cui la totalità di ragazzi e ragazze abbandona la scuola non appena consegue la la terza media, non avendo alcuna possibilità di accedere a un mondo del lavoro che ne tuteli dignità e diritti. La “fuitina”, poi, è una delle pochissime prospettive di affermazione personale

Ecco, dunque, l’asilo Parisi con le porte e le finestre murate; la scuola Serpotta, inr gran parte inagibile da oltre vent’anni; il centro React, sigillato da più di un anno. Per non parlare della parrocchia che non dialoga con buona parte del territorio. Borgo Vecchio, ancora più che in passato, oggi rimane un ammasso di cemento, lamiere e onduline di eternit.

Una realtà nella quale è intervenuto il progetto “Women in action”, grazie al quale le ragazze hanno trovato il coraggio di levare alta la loro voce, decidendo di tappezzare il quartiere e la città di adesivi con su scritto “FATECI SPAZIO” denunciando in tal modola mancanza di spazi di prossimità liberi e gratuiti che diventino spazi di crescita personale. Inoltre, insieme all’équipe di operatrici di "Per Esempio Onlus", il 7 luglio saranno le protagoniste di un'assemblea popolare pubblica in strada per discutere del problema insieme a chi sa cosa vuol dire dare spazio sociale alle persone e soprattutto alle donne che Ora grazie abitano un quartiere difficile.

Un progetto, “Women in action” promosso da "Per Esempio Onlus" e sostenuto economicamente da Alliance for Gender Equality in Europe, organizzazione internazionale che sostiene piccole realtà associative che si occupano di empowerment di genere, grazie al supporto di sponsor di rilievo tra cui Chanel e L’Oréal Paris. Da gennaio sta seguendo il processo di crescita e autodeterminazione di 10 ragazze e giovani donne delBorgo Vecchio di età compresa tra i 14 e i 30 anni, attraverso percorsi di accompagnamento psicologico e gruppi di parola, di studio assistito, laboratori di espressione corporea, di narrazione che utilizzano strumenti come la fotografia, i video e la scrittura, mettendo in campo percorsi di orientamento al lavoro e tirocini retribuiti.

Leggi l'articolo integrale: vita.it

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy