Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

gratteri nicola costanzo show

La prima volta che la incontrai lei mi raccontò che per passeggiare nell’orto di casa sua camminava con due guardie armate di mitra. È ancora così?”.
No, è peggio. Con il tempo peggiora la situazione… Non vivo… non ho libertà. Dobbiamo stare attenti”.
Si è aperto così il confronto tra Maurizio Costanzo e il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, ospite del celebre programma televisivo lo scorso mercoledì sera. Al suo arrivo tutti in piedi ad applaudire il magistrato anti-‘Ndrangheta, visibilmente emozionato per il tributo che gli ospiti sul palco e il pubblico del teatro Parioli di Roma gli hanno riservato.
Sul finire degli anni ‘80 ho iniziato a fare indagini sulla ‘Ndrangheta connessa alla politica. Poi hanno sparato a casa della mia fidanzata. Le hanno telefonato per dirle che avrebbe sposato un uomo morto”, ha detto Gratteri, precisando di non essersi mai domandato chi glielo abbia fatto fare: “Sono scelte di vita, scelte di campo”. “Io quando ero bambino e andavo a scuola con l’autostop ho visto i morti a terra - ha continuato -. Ho visto compagni di scuola a terra”. Mentre parlava la voce del procuratore si spezzava e con un nodo alla gola è riuscito solo ad annuire quando Costanzo gli ha chiesto: “Ed è lì che lei ha deciso che avrebbe fatto questo mestiere?”. “Si… - ha risposto commosso Gratteri -. È una vita pesante ma non è questo l’importante. Io penso che si debba continuare a fare ciò che abbiamo scelto. Nella vita ogni cosa ha un prezzo. Bisogna anche parlare con la morte e addomesticarla”. Un lavoro difficile il suo, che da anni svolge in una terra fortemente influenzata dalla ‘Ndrangheta: la più potente organizzazione criminale di stampo mafioso del mondo.
È di poche settimane fa la notizia circa il progetto della criminalità organizzata calabrese di far saltare in aria il procuratore di Catanzaro: piano di morte che si sarebbe dovuto consumare lungo il tragitto che collega l'abitazione del magistrato al suo ufficio. Un allarme lanciato dai servizi di sicurezza a cui è susseguito l’innalzamento del livello di scorta di Nicola Gratteri. Gli occhi più attenti, infatti, avevano notato recentemente la dotazione tra le auto di scorta del "bomb jammer", il disturbatore di frequenze utilizzato per impedire ai sistemi di comunicazione radio la ricezione o la trasmissione di segnale. Inoltre, è stato aumentato il numero dei veicoli blindati di scorta (cinque) con il coinvolgimento degli agenti del Nocs, il Nucleo operativo centrale di Sicurezza della polizia di stato, ed al contempo è stato anche alzato il livello di sicurezza nei pressi degli uffici di Procura. Anche ai familiari di Gratteri è stata assegnata una tutela.
Una vita dura e difficile che solo chi ha coraggio riesce a chiamare tale. Ma quella di Gratteri è una scelta di campo, appunto. Lui da oltre 30 anni ha deciso da che parte stare e non demorde.

Strage di Capaci: 30 anni dopo assistiamo al rito dei gattopardi
Nel corso dell’intervista Costanzo e Gratteri hanno poi parlato del trentennale della strage di Capaci. “Alla commemorazione abbiamo assistito al rito dei gattopardi - ha tuonato il procuratore della Dda di Catanzaro -. Ricordo quando venne Falcone nella sua trasmissione (al Maurizio Costanzo show, ndre c’erano delle persone che lo attaccavano in diretta. Gli dicevano che era scappato, fuggito, che doveva tornare a Palermo come se fosse andato a Roma ad imboscarsi, quando invece si era trasferito nella Capitale perché gli era stato impedito di lavorare a Palermo. Era andato al Ministero di Grazia e Giustizia, direttore generale affari penali, per fare delle normative che poi dopo la sua morte sono state attuate dalla politica. E ricordo perfettamente quando lo hanno attaccato, quando gli dissero che nascose le informative nei cassetti, per esempio”. E ancora: “I gattopardi sono quelli che lo hanno attaccato e poi sono saliti sui palchi per le commemorazioni. A Palermo c’è stata la commemorazione di Falcone, ma anche il rito dei gattopardi. Ci sono ancora gattopardi vivi che salgono sui palchi per commemorare Falcone, quando quest’ultimo è stato deriso, sghignazzato, gli hanno detto che era un montato, uno sceriffo e tanto altro. ‘Post mortem’ è facile salire sul carro dei vincitori. Se non ricordo male l’unico che ha chiesto scusa è stato il sindaco Leoluca Orlando. Altri non ne ho sentiti. Anzi, con la faccia di bronzo hanno continuato imperterriti e sono saliti sull’altro carro quando si sono accorti che c’è stato un movimento popolare. Così come accade oggi quando si accorgono che ragazzi e bambini che non erano nati e non l’hanno conosciuto sfilano per Falcone. E quindi cinicamente hanno capito che era conveniente manifestare ed elogiare il giudice”. Una cosa triste, ha detto Nicola Gratteri perché purtroppo “i morti non possono parlare e non si possono difendere.  E quindi bisogna avere il coraggio e l’onestà intellettuale di parlare anche a costo di essere antipatici o non graditi al manovratore. È un problema di coscienza. Stare zitti è complicità”.

Gratteri: “Riforme? C’è aria di restaurazione, di liberi tutti”
Devo dirvi con tristezza che le riforme fatte quest’anno non immaginavo di poter leggere queste cose. C’è un’aria di restaurazione, di liberi tutti. È un momento brutto per il contrasto alle mafie, alla criminalità organizzata e a quella comune. È un momento in cui la magistratura è molto debole. Sono stati fatti degli errori e la magistratura non ha avuto il coraggio di autoriformarsi. Quindi in questo momento c’è una sorta di vendetta della politica nei confronti della magistratura dopo 30 anni”. Pesano le parole con cui il procuratore Gratteri fa riferimento a quanto sta avvenendo all’interno del Parlamento. “Oggi si stanno facendo modifiche normative in un Parlamento gestito da 8/10 persone - ha continuato -. Nel mentre c’è un governo il cui premier Draghi è un esperto di finanza. Ma quando parliamo di sicurezza o di riforma della giustizia non ci siamo proprio”.
Viviamo in un Paese in cui c’è bisogno di mafia. Le mafie esistono perché si relazionano con la collettività. Hanno bisogno del consenso popolare. Esistono perché interagiscono con la collettività, altrimenti sarebbero criminalità organizzata, comune e gangsterismo - ha detto -. La mafia dà risposte che lo Stato non dà soprattutto nelle zone emarginate e quindi lì trovo quanta manovalanza voglio. E in questo il Covid-19 ha fatto scuola”. Le mafie, inoltre, hanno pacchetti di voti. “Se io capomafia controllo il 20% dei voti sono in grado di spostare gli equilibri per la candidatura di un sindaco ad esempio - ha proseguito -. E premettendo che le mafie non hanno ideologie, non sono né di sinistra né di destra, puntano sul cavallo vincente e il loro obiettivo è quello di interagire e amministrare il Comune in cogestione con la politica”.
Anche l’economia ha bisogno delle mafie - ha concluso il procuratore -. La 'Ndrangheta detiene il controllo dell’80% della cocaina che entra in Europa. E il suo problema non è la ricchezza in sé, ma la sua giustificazione. Ecco perché la ‘Ndrangheta da Roma in su sta comprando tutto ciò che è in vendita a prezzi da outlet. Le mafie sono presenti dove c’è da gestire denaro e politiche”.

Intervista a Nicola Gratteri dal minuto 59''

ARTICOLI CORRELATI

Gratteri: ''Contro le mafie c'è stanchezza nel contrasto, manca progettualità’'

Gratteri: ''Draghi e Cartabia? Nessuna chiamata dopo notizia della minaccia sul mio attentato''

Riforma Giustizia, Gratteri: ''Proposte dannose. Sento odore di punizione''

Gratteri critico sulla nomina di Renoldi al Dap

Riforma giustizia. Gratteri: ''Fatti passi avanti. Ma 'tagliola' non velocizza i processi’'

Con una bomba la 'Ndrangheta pronta a colpire Gratteri. Rafforzata la scorta

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy