Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

suono silenzio int Cari amici, anche quest’anno vi chiedo di partecipare al presidio di “Scorta per la Memoria” che faremo sotto l’albero di ulivo che mia madre ha voluto piantare, come simbolo di pace e di speranza, nella buca scavata dall’esplosione.
Quell’olivo che affonda le radici nella terra bagnata dal sangue di Paolo Borsellino, di Agostino Catalano, di Claudio Traina, di Emanuela Loi, di Vincenzo Li Muli e di Eddie Cosina i componenti della Scorta del Quarto Savona 21 che quel giorno, insieme ad Antonino Vullo, condannato a sopravvivere, erano stati comandati per il loro appuntamento con la morte.
L’anno scorso abbiamo fatto il presidio dal primo di maggio a tutto luglio, poi lo abbiamo continuato al 19 di ogni mese, quest’anno vi chiedo di farlo per i 57 giorni che intercorrono tra il 23 maggio, la strage di Capaci e il 19 luglio, la strage di Via D’Amelio.
Per noi è la memoria non si riduce ad un solo giorno all’anno, magari sovrapponendo gli anniversari di stragi diverse per lavarsi la coscienza più in fretta, per la Memoria, la Verità e la Giustizia si lotta 365 giorni all’anno e quest’anno, nel trentennale delle stragi, poiché si scateneranno i megafoni della retorica e si alzeranno anche le voci di chi da tempo ha perso il diritto di parlare, mentre si ripetono da parte del CSM gli stessi errori perpetrati a suo tempo con Giovanni Falcone, abbiamo deciso di celebrare il 19 luglio all’insegna del silenzio.
Quest’anno non ci saranno ne palchi ne dibattiti, la nostra giornata di memoria si intitolerà “Il Suono del Silenzio” e poiché niente deve poter rompere questo silenzio, se non la musica, ci sarà in Via D’Amelio soltanto una pedana sopra la quale un grande violoncellista, Luca Franzetti, che ho scelto non soltanto per la sua arte ma anche per il suo grande impegno civile, suona nei campi profughi in Palestina, nelle carceri e nelle favelas, suonerà e commenterà le sei suites per violoncello solo di Johann Sebastian Bach, in particolare la numero 2 , ispirata alla rabbia e la numero 3, ispirata all’amore, i due sentimenti che hanno convissuto nel mio animo in questi trenta anni e che grazie ai tanti giovani che incontro nelle scuole continuano a fare vivere la mia speranza.

Prenotazione turni di scorta: clicca qui!

Calendario turni: docs.google.com

Trattto da: facebook.com

ARTICOLI CORRELATI

Il Csm sbaglia ancora!
dI Giorgio Bongiovanni

Csm archivia esposto su Gratteri. Di Matteo e Ardita favorevoli
di Giorgio Bongiovanni

A Catanzaro scende in piazza la ''Scorta Civica'' per Gratteri

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy