Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

In via d'Amelio continua la scorta della memoria

È questo l’obiettivo della scorta, quello di preservare la memoria del giudice Paolo Borsellino e degli agenti della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina e Vincenzo Fabio Li Muli.
Un'azione fortemente voluta da Salvatore Borsellino, che in maniera costante continua dal primo maggio 2021, con lo scopo di preservare e proteggere quel luogo sacro.
Una iniziativa che continua a prendere luogo in via d’Amelio il 19 di ogni mese grazie alla partecipazione dei familiari di vittime di mafia come Giuseppa Catalano, delle agende rosse e dei giovani ragazzi di Our Voice che continuano a esprimere e gridare la necessità e l’urgenza di essere presenti in quei luoghi dove la storia dell’Italia è stata scritta a suon di stragi.
“Per noi è sempre un'emozione venire in via d’Amelio, un posto tanto importante perché è un luogo di memoria ed è fondamentale continuare a fare memoria, soprattutto, in un’Italia che non conosce più la lotta dell’Antimafia, non la riconoscono più i nostri rappresentanti politici, fautori di leggi che distruggeranno tutto ciò per cui hanno lottato giudici come Paolo Borsellino e Giovanni Falcone”. Con queste parole Beatrice Boccali portavoce dei ragazzi di Our Voice ha lanciato l’appello alla comunità Italiana per unirsi ad una lotta ormai dimenticata da molti, una lotta che porta con sé alcuni dei segreti più oscuri della nostra amatissima Italia.
Mentre invece Pina Catalano sorella dell’agente e caposcorta Agostino Catalano, che perse la vita nella strage del 19 luglio 1992, esprime la sua amarezza e la sua volontà di giustizia perché “fino ad oggi molte cose sono state fatte, ma non abbastanza da poter scrivere la parola fine sapendo la verità - perché nonostante siano passati quasi 30 anni dalle stragi di Capaci e via d’Amelio, la piena verità non è ancora venuta alla luce - molte condanne sono state fatte, molti di loro sono morti, molti ancora sono in carcere, però la verità vera e propria non so se la sapremo mai”.

ARTICOLI CORRELATI

90 giorni di ''Scorta per la Memoria'' per i caduti della Strage di Via d'Amelio

Scorta della memoria in via d'Amelio: il dovere quotidiano di esserci

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy